Attualità

Ambiente: ok della Regione a progetto per riserva Stagnone

MARSALA (TRAPANI), 10 OTT Favorire il ricircolo e il ricambio d'acqua all'interno della Riserva naturale dello Stagnone. Ed inoltre interventi di "riforestazione" della posidonia oceanica. E' quanto prevede un progetto redatto dal Comune di Marsala per il "miglioramento e ripristino dell'ambiente" dell'area marina di fronte la sua costa nord. Il progetto ("Rinasce Interventi finalizzati al recupero delle condizioni ambientali del bacino dello Stagnone di Marsala") è stato, adesso, dichiarato ammissibile a finanziamento da parte della Regione.
    Si tratta, spiega una nota del Comune, di "un investimento di quasi 1,15 milioni di euro (fondi Po Fesr 2014/2020), volto al miglioramento e ripristino dell'ambiente lagunare, con particolare riferimento alla circolazione idrica della parte nord occidentale dello Stagnone".
    "È molto importante avere superato questa prima fase afferma il sindaco di Marsala Alberto Di Girolamo a dimostrazione della validità di quanto programmato, condiviso altresì dagli altri Enti interessati alla salvaguardia di quel delicato ambiente naturale". Il riferimento è agli accordi di collaborazione sottoscritti dal Comune di Marsala: uno con il Libero consorzio comunale di Trapani (ente gestore della riserva); l'altro con il Consorzio nazionale interuniversitario per le scienze del mare (Conisma), avvalendosi altresì dei contributi scientifici dei professori Mazzola, Calvo, Vizzini e Ciraolo dell'Università di Palermo.
    "Altra finalità del progetto aggiunge il sindaco Di Girolamo è quella di realizzare un piano di comunicazione ed educazione ambientale a beneficio della conoscenza dell'area. In tale contesto, coinvolgeremo scuole, cittadini, operatori turistici e visitatori". Il progetto "Rinasce" che rientra tra i 38 interventi ammessi dalla Regione, sul totale dei 71 valutati ha come obiettivo prioritario "il ripristino di alcuni canali della Bocca Nord e nella zona settentrionale dell'Isola Lunga al fine di migliorare la circolazione idrica".
    "Con la riattivazione della rete idrografica della laguna conclude la nota del Comune risulterà migliore la salinità e l'ossigenazione delle acque, riducendo così gli effetti negativi sulla flora e fauna ittica".(ANSA).