Cronaca Giarratana

Irene Frasca. Chi muore per andare a lavorare

Chi raccoglie l'uva nei campi prende 40 euro al giorno e si paga la benzina

Giarratana - Oggi Giarratana osserva il suo giorno di lutto cittadino per la morte di Irene Frasca. Morta a 47 anni, a Chiaramonte Gulfi, di ritorno da una giornata di lavoro nei campi vicino a Mazzarrone, dove insieme a una compaesana, amica e coetanea, aveva raccolto uva. 

In una provincia, quella di Ragusa, in cui i morti in incidenti stradali sono tre la settimana (e qualcuno prima o poi dovrà dirci se questa statistica è nella norma) accade che una mamma, mamma di un bambino che va alle scuole elementari, si alzi la mattina all'alba per recarsi da Giarratana nelle campagne al confine con la provincia di Catania per raccogliere uva. Ci va con una amica, a bordo di una vecchia Fiat Punto, serza airbag, un macinino. Dopo otto ore di lavoro, il ritorno a casa.

Non sappiamo quanto fosse pagata Irene. Ma suoi colleghi ci riferiscono che la paga è di 40 euro al giorno per lavorare 8 ore, e la benzina se la pagano i lavoratori. Irene, da piccola nel negozio di generi alimetari della mamma, poi nella pizzeria storica della famiglia del marito, infine a raccogliere uva, ha sempre lavorato. Ed è morta, per portare un tozzo di pane a casa.