Attualità Roma

Oscar delle pizze più buone: in Sicilia vince pizzeria di Siracusa

Una sola pizzeria premiata

Roma - Si chiama "Pizza Awards Italia", praticamente un Oscar che viene assegnato alle migliori pizzerie del Paese. L'edizione 2019, la terza, ha visto un podio tutto campano e un solo riconoscimento andato alla Sicilia.

A trionfare è stato Franco Pepe con "Pepe in Grani", pizzeria di Caiazzo (Caserta), che si è aggiudicata un poker di riconoscimenti: Miglior Pizza d'Italia, Miglior Pizza Tradizionale e Miglior Pizza della Campania. Pepe ha vinto anche il premio di Miglior Pizzaiolo dell'anno.

In Sicilia invece lo scettro della pizza più buona è stato conquistato da "Piano B", pizzeria di Siracusa dove Friedrich Schmuck sforna pure dell'ottimo pane prodotto anche con farine alternative. «E' arrivato un premio a Roma per alcuni scontato ma non per me», ha postato su Fb Schmuck a commento del riconoscimento ricevuto. «Se capiterà mai questo vorrà dire che ho perso la bussola. Non voglio neanche dire per il quale siamo stati premiati perché non credo sia fondamentale, l’importante è che venga riconosciuto e apprezzato il nostro impegno quotidiano».

I riconoscimenti dei "Pizza Awards Italia" sono stati in totale 38 (18 nazionali e 20 regionali) assegnati da 200 giornalisti accreditati. Il premio per miglior pizza contemporanea e miglior pizza fritta è andata a "I Masanielli" (Caserta) di Francesco Martucci. Teresa Iorio, de "Dalle Figlie di Iorio" di Napoli, è stata la vincitrice del titolo di Pizzaiola dell'Anno.

Miglior Giovane Pizzaiolo dell'anno è stato Luca Mastracci di Pupillo a Frosinone. La Miglior Pizza Romana è quella di "180 g". di Jacopo Mercuro e Mirco Rizzo a Centocelle (Roma), il Miglior Format di Pizzeria quello di Pizzium a Milano, la Miglior Carta dei Vini e delle Birre quella dei fratelli Francesco e Salvatore Salvo a San Giorgio a Cremano.

Miglior Pizza Napoletana è "Le Parùle" di Pignalosa a Ercolano (Napoli). Premiati come Ambasciatori della Pizza nel Mondo, Alessandro Condurro (L'Antica Pizzeria da Michele) e Gino Sorbillo (Sorbillo ai Tribunali).

Successi regionali poi anche per "Seu Pizza Illuminati" (Lazio), "Da Zero" (Lombardia e Basilicata), "I Tigli" (Veneto), "L'Apogeo" (Toscana) e "400 Gradi" (Puglia).