Attualità Calcio

Italia “in bianco” contro la Bosnia: certezze e dubbi di Mancini

Secondo i bookmaker come William Hill l’Italia è leggermente favorita

Italia in bianco: nessun discorso sottinteso, ma solo la nuova maglia della nazionale di Mancini. La indosserà contro la Bosnia e l’Armenia, per le ultime due partite del girone di qualificazione agli Europei, sarà una nazionale più “candida” che mai, fra l’altro in due match dal valore di classifica pari a 0, visto il pass per gli Europei già staccato. Il tutto dopo la maglia verde sfoggiata nell’ultimo match, che ai più non era proprio piaciuta. Il colore bianco l’ha scelto Puma, che ha deciso di spiegare il design di questa maglia come: “un mix fra modernità e tradizione rinascimentale”.

Italia contro Bosnia e Armenia: le informazioni utili

Non ci sarà Balotelli, ma questo tema lo affronteremo più avanti. Fra i convocati di Mancini (29 in totale) si trovano tre interessanti novità: il ct ha portato in ritiro Castrovilli, Cistana e Orsolini, che avranno così la possibilità di assaggiare per la prima volta l’atmosfera della nazionale, il prossimo 15 novembre contro la Bosnia. Il match contro l’Armenia si disputerà allo stadio Renzo Barbera di Palermo, il 18 novembre, e questo è un dato significativo: dopo la sfortunata “via crucis” del Palermo Calcio, il pubblico rosanero si sta riavvicinando con passione alla propria squadra, e stavolta avrà la possibilità di ammirare alcune delle icone rosanero. Potrà salutare il “Gallo” Andrea Belotti, Salvatore Sirigu ed Emerson Palmieri. Nota bene per chi sceglie di scommettere sul calcio: secondo i bookmaker come William Hill l’Italia è leggermente favorita per il match contro la Bosnia, nonostante i probabili esperimenti di Mancini. Difatti la vittoria azzurra è data a 2.25 a Zelica, con un derby tra i possibili marcatori: i gol dell’attaccante della Roma Dzeko e del biancoceleste Immobile vengono quotati a 2.3.?

Tutti i dubbi di Mancini in attacco

Immobile possibile marcatore, ma a tenere banco è il solito quesito: Balotelli sì, Balotelli no? Stavolta sarà no, ma c’è stata comunque l'ennesima apertura da parte del Mancio, che infatti ha dichiarato: “Convocherò Balotelli, ma solo quando se lo sarà meritato”. Out Balo, per il momento Mancini sembra orientato a schierare uno fra Belotti o Immobile, per la maglia da titolare al centro dell’attacco azzurro (o per meglio dire… bianco). Curiosità a margine: Ciro Immobile, oltre ad essere capocannoniere della Serie A con 14 reti, da solo è riuscito a fare meglio di tutto il Milan messo insieme, dato che i rossoneri hanno soltanto 11 gol all’attivo.

Le 3 certezze del Mancio

L’Italia vista ai gironi ha fatto riavvicinare più di un tifoso alla nazionale, perché Mancini è riuscito a trovare una buona alchimia, e un blocco di titolari inamovibili che si è sudato e guadagnato il posto. Quindi anche stavolta, esperimenti a parte, il Mancio partirà da 3 assolute certezze: Donnarumma, Jorginho e Insigne – nonostante le ultime polemiche in seno al Napoli. In realtà le sicurezze della nazionale sono più di 3, visto che non possiamo escludere altri titolarissimi come Bonucci e Chiesa. Agli Europei ci sarà anche Verratti, che stavolta invece è out, sostituito da Tonali.