Benessere Dieta ipocalorica

La colazione che fa dimagrire

Il porridge è una alternativa sostanziosa e salutare

Mettiamo subito in chiaro una cosa: prendere un caffè al volo, magari inzuppando un biscotto ai cereali integrali non vuol dire fare colazione e, soprattutto, non serve a dimagrire. Anche chi vuole seguire un regime dietetico ipocalorico deve tenere in debito conto la colazione, non saltarla mai e farne invece il pasto più importante e sostanzioso della giornata. E qui ti spieghiamo perché.

La strategia per dimagrire a colazione
I nutrizionisti raccomandano di fare colazione subito appena svegli perché, in questo modo, il metabolismo si mette subito in moto (leggi: si cominciano a bruciare i grassi). La colazione deve essere infatti uno dei pasti principali della giornata e, secondo gli esperti, deve fornire il 25% di tutto l’apporto energetico giornaliero. Facendo due calcoli, la somma delle calorie degli alimenti scelti per la colazione può arrivare fino a 500 calorie. Non solo: il rischio per chi fa colazione di fretta e mangia poco è quello di ritrovarsi con un buco allo stomaco già a mezza mattina e di arrivare così affamato a pranzo da non potersi certo accontentare di riso e pollo alla griglia o di altre alternative ipocaloriche. Quindi, se non fosse già abbastanza chiaro, il primo comandamento è: mai saltare la colazione.

E la seconda? Facile e ovvia ma mai darla per scontata: evitare i cibi elaborati dall’industria alimentare e limitare gli zuccheri raffinati. Quindi niente biscotti con nocciole burro e gocce di cioccolato, sì a quelli di riso o a quelli davvero integrali. No a cornetti e brioche (ovvio no?) e sì a tutti i cereali integrali sfusi, come i fiocchi d’avena (attenzione: se sono ricoperti di zucchero non vale!).

COSA MANGIARE A COLAZIONE PER DIMAGRIRE
Ma c’è una ricetta della colazione perfetta per dimagrire, perdere peso o semplicemente mantenersi in forma? Una ricetta che va bene proprio per tutti? Sì, certo che c’è, eccola qui: una tazza di tè oppure di tè matcha con latte vegetale, per esempio di riso o di orzo, un caffè o un caffè d’orzo, una fetta di pane integrale con marmellata o con una fetta di bresaola o al massimo di tacchino al forno, qualche fetta di avocado da sostituire con un uovo sodo di tanto in tanto. Se però proprio non riuscite a resistere al grande fascino dei cereali, preferite la crusca o l’avena che sono molto ricchi di fibre: potete aggiungerli a uno yogurt magro insieme a una bella dadolata di frutta fresca di stagione (ma non troppo calorica)

Chi invece ama le colazioni salate, oltre alla fetta di pane integrale con bresaola o tacchino può sperimentare il toast in mille varianti. E, sorpresa, va bene anche in versione dolce (ma non troppo) fette di banana e una spruzzatina di zucchero di canna. Via libera anche agli smoothies.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1576251650-3-porto-turistico.gif

Il porridge è un’altra alternativa sostanziosa e salutare: all’avena si può aggiungere frutta, frutta secca, scaglie di cioccolato o miele. Certo, così è molto ricco di fibre e regola l’appetito ma è una colazione completa che apporta la giusta energia per affrontare la giornata, fonte di vitamina A, di aminoacidi essenziali e di grassi omega 6. Se aggiungi un po’ di cannella è il top.