Attualità Ragusa

Ammanco di 1 mln 600 mila euro, rinvio a giudizio anche per ex vicequestore

Ragusa - Nove persone sono state rinviate a giudizio dal Giudice per le Udienze Preliminari di Ragusa,  Claudio Maggioni, a conclusione del processo sull’inchiesta svolta dalla Guardia di Finanza, circa un  un ammanco complessivo da 1,6 milioni di euro nelle casse della Società Cooperativa Sociale “Il Dono” di Ragusa che per un decennio ha fornito assistenza ai centri accoglienza per migranti nel territorio ibleo.

L’ipotesi di reato è peculato in concorso e in continuazione. Rinviati a giudizio Rosario Battaglia e Giuseppe Battaglia (che si sono alternati come presidenti e rappresentanti legali della cooperativa dal 2008 al 2013), Giuseppe Tumino e Giovanni Cascone (consulenti fiscali), il vicequestore in quiescenza Giovanni Scifo (presidente e amministratore della coop tra 2013 e 2014), Roberto Criscione (rappresentante legale della cooperativa Arc en ciel), Giovanni Agostini (rappresentante della Gerico srl) e Antonina Dibennardo.

Con l’accusa di riciclaggio, invece, andrà a processo Maria Campo. I servizi resi dalla cooperativa rientravano nell’ambito di convenzioni che la stessa aveva stipulato nel tempo con i diversi enti pubblici presenti sul territorio, in particolare, erogazione di pasti, di vestiario, alfabetizzazione e servizi alloggiativi. Per la gestione dei servizi, la cooperativa aveva beneficiato complessivamente di erogazioni pubbliche per oltre 6 milioni di euro dal Comune di Ragusa, dalla ex Provincia Regionale di Ragusa, dal Comune di Modica. La cooperativa operava con denaro pubblico con fondi provenienti dal Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati (Sprar). 

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1594547495-3-tayaran-jet.jpg