Giudiziaria Vittoria

Contraffazione sementi di pomodoro a Vittoria, una condanna

Un anno di carcere e 15mila euro di multa al titolare della società vittoriese

Vittoria -  Un anno di reclusione e quindicimila euro di multa per avere riprodotto abusivamente piante di pomodoro coperte da brevetto. Il Tribunale di Ragusa ha condannato il titolare di un’azienda agricola di Vittoria, dove sono state rinvenute quattro serre coltivate con una varietà vegetale protetta, senza le necessarie autorizzazioni previste. Si tratta della prima sentenza di questo tipo in Italia.

Nel corso delle indagini sono state effettuate analisi del dna sulle coltivazioni della società, che hanno confermato la presenza nelle serre della varietà protetta da brevetto. La guardia di finanza di Ragusa ha accertato che l’azienda non era in possesso di fatture d’acquisto di piantine di varietà protetta o di altri documenti che provassero la legittima provenienza dei semi utilizzati.

Oltre a un anno di reclusione e 15 mila euro di multa, l’imputato dovrà risarcire danni per l’importo complessivo di 70mila euro alla società titolare del brevetto.