Cronaca Taormina

Bimbo di due anni ingoia auricolari del telefonino: salvato

Salvato al "Centro cardiologico pediatrico del Mediterraneo" ospitato dall'ospedale "San Vincenzo" di Taormina

Taormina -  Un bambino di appena due anni aveva ingerito una placchetta metallica degli auricolari di un telefonino. Drammatico il quadro clinico anche perché la presenza del corpo estraneo aveva creato una comunicazione anomala tra trachea ed esofago.

Accompagnato dai genitori all’ospedale di Partinico per il persistere di tosse e vomito, il bambino è stato prima trasportato in urgenza a Palermo dove sono i colleghi della Chirurgia pediatrica dell’Ospedale dei Bambini ad effettuare una prima diagnosi. Il piccolo, poi, viene trasportato in elisoccorso al "San Vincenzo" di Taormina dove arriva dopo 40 minuti e in condizioni stabili. Qui si decide di rimuovere il corpo estraneo grazie a un intenso lavoro di équipe.

Il bimbo, dopo due settimane, finalmente, è stato estubato e ora respira autonomamente senza necessità di supporto.