Appuntamenti Palazzolo Acreide

Muri bianchi e pietre ocra. A Palazzolo Acreide

Opening 27 dicembre 2019. Ore 18.30 – 23-30

Palazzolo Acreide - Un bellissimo palazzetto liberty situato nella centralissima via San Sebastiano a Palazzolo Acreide. Era chiuso da mezzo secolo e ora al suo splendore originale viene restituito a Palazzolo: al suo interno di 140mq espositivi distribuiti su due livelli a cui si affiancano una Project room nel seminterrato e una cantina/dammuso.

Muri bianche e pietre ocra. In questo modo - per volontà di Davide Bramante il patron di questa nuova impresa culturale - si presenterà agli ospiti la nuovissima sede di San Sebastiano Contemporary / Casa Bramante. Nemmeno un’opera appesa al muro? Nemmeno una, e questo nonostante la programmazione sia già molto serrata a partire dal mese di aprile.

Al centro dello spazio però qualcosa succederà. Uno specialissimo tavolo da ping pong infatti accoglierà i visitatori, vere palline e racchette a disposizione, benche? si tratti di un’opera collettiva realizzata da 10 diversi artisti. Le racchette sono state infatti realizzate da Davide Dormino, Daniele Galliano, Simone Marini, Roberto Coda Zabetta, Giuseppe Bombaci, Daniele Bianco e Angelo Bellobono; Le due superfici del tavolo da un’ opera astratta di del Giulio Zanet e da una disegno bianco su nero di Andrea Casciu.
L’apertura di San Sebastiano Contempory che si affianca alle tre istituzioni (Museo Archeologico Gabriele Judica, Museo dei Viaggiatori in Sicilia e la Casa Museo Antonino Uccello) già presenti sul territorio è destinata a fare di Palazzolo Acreide un nuovo rilevante polo culturale su un’isola potenzialmente ricchissima dove però fuori da Palermo accade pochissimo.

Dalle prime indiscrezioni si apprende che nella programmazione prevista a partire da aprile sono coinvolti a vario titolo nomi come quello di Francesco Lauretta, Mauro Benetti, Aldo Premoli, Filippo La Vaccara, Turi Rapisarda, Rossana Taormina, Antonio Parrinello... oltre naturalmente a Davide Bramante stesso.
Che però tiene a precisare: ”San Sebastiano Contemporary non è solo una galleria per esposizione d’arte. Lo penso come uno spazio aperto a contaminazioni provenienti da settori che hanno a che fare con altre forme di creatività, con il gusto e il lifestyle le più che giuste istanze ambientali e tutto ciò che ha a che fare l’emergere di istanze provenienti dalla caltura giovanile”.
San Sebastiano Contemporary è pronta ad ospitare tutto ciò che di nuovo e interessante accade sulla costa orientale siciliana e nella Valle di Noto. I suoi organizzatori sono dispostissimi a collaborare con le amministrazioni di questi territori. Ma è inutile negare che l’ambizione è di spingersi oltre, fuori dall’isola dalla stessa Penisola.
Davide Bramante a questo proposito: “non sembri presuntuoso: certo siamo degli esordienti, ma alcuni di noi con un a lunga esperienza alle spalle: la realtà oggi costringe ad allacciare rapporti a vasto raggio o a divenire immediatamente irrilevanti: abbiano le potenzialità per farlo: se saremo bravi qualcosa di molto significativo potrebbe accadere...”


© Riproduzione riservata