Attualità Roma

Si è dimesso il Ministro della Pubblica Istruzione Fioramonti

Il giorno di Natale

Roma - Il ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti (Roma, 1977) ha dato le dimissioni con una lettera al premier Conte.

Nella lettera Fioramenti avrebbe spiegato che secondo lui bisognava rivedere l’IVA, anche lasciando l’aumento, per incassare i 2-3 miliardi che chiedeva per il suo ministero e che di fronte al blocco dell’aumento ha capito che non c’era volontà di fare maggiore gettito e dunque non ci sono più le condizioni per andare avanti.

Il successore? Nicola Morra

Le dimissioni però non avrebbero un sapore antigovernativo. Fioramonti andrebbe a costituire un gruppo alla Camera a sostegno del premier come embrione di un nuovo soggetto politico. Nei giorni scorsi si sono fatti i nomi di alcuni deputati che potrebbero seguirlo, tra cui Nunzio Angiola e Gianluca Rospi, ma anche l'ex M5s Andrea Cecconi. Insomma, si moltiplicano le voci su possibili gruppi contiani nei due rami del Parlamento. Per la successione al ministero dell'Istruzione il nome in pole è quello di Nicola Morra, attuale presidente della commissione parlamentare antimafia.