Giudiziaria Modica

Ricorso contro il biogas a Bellamagna, sette residenti si pentono

In sette residenti hanno lasciato la partita. Come mai?

Modica - Biogas.
Meno uno, meno due, meno tre, quattro, cinque, sei, sette.

Sette. Sono i “pentiti” che hanno ritirato la propria firma al ricorso che il Consorzio stradale Bellamagna Zimmardo ha avanzato al Tar per chiedere la sospensiva sull’autorizzazione concessa dal Comune di Modica alla Biometano ibleo e che tante polemiche ha sollevato nelle ultime settimane.
Erano 14 giovani e forti, ma col trascorrere delle settimane sono rimasti solo sette i ricorrenti che si sono rivolti al Tribunale amministrativo per rivendicare la loro legittima azione di tutela del proprio interesse.
Sette -al momento in cui scriviamo- si sono dissociati da quel mandato legale che con grande convinzione e determinazione avevano condiviso, sottoscritto e onorato.
Cosa è successo? Perché questa improvvisa conversione sulla Via di Damasco? Di certo, non sono stati contattati dalla famiglia Leocata, titolare dell'iniziativa di impresa.

Il Tar avrebbe dovuto pronunciarsi il 18 dicembre scorso, ma l’udienza è stata rinviata a febbraio per intervenute contestazioni sollevate dai difensori della stessa Biometano. Quindi, nulla di fatto.
La partita, a questo punto, se la giocano i rimanenti 7 ricorrenti. A patto che rimanga il pallone, che i giocatori siano schierati nelle due metà campo e che l’arbitro possa arrivare a fischiare la fine.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1594547495-3-tayaran-jet.jpg