Giudiziaria Lentini

Perizia psichiatrica per l'uomo che ha sparato ai ladri di arance

Un gesto ingiustificabile

Lentini - "Siamo di fronte a famiglie distrutte, al dolore dei familiari per le due vittime. Agiamo nell'interesse della verità. Per questo abbiamo chiesto l'incidente probatorio e nomineremo consulenti per l'esame autoptico e nomineremo uno specialista in psichiatria. Per capire se la patologia di chi soffre il mio cliente possa avere influito".

A parlare è l'avvocato Rocco Cunsolo, difensore di Giuseppe Sallemi, 42 anni, lentinese, guardiano del fondo agricolo di contrada Xirumi, a Lentini, nel Siracusano, che ha confessato di aver esploso colpi di fucile contro Massimo Casella, 47 anni, e Agatino Saraniti, di 19 anni, catanesi, entrambi morti, e contro un 36enne che si trova ricoverato in gravi condizioni all'ospedale Garibaldi di Catania.

La Procura lo accusa di duplice omicidio e tentato omicidio. I tre catanesi sarebbero entrati nel terreno per rubare arance e sarebbero stati sorpresi dal guardiano. Il gip del tribunale di Catania ha disposto l'incidente probatorio per l'autopsia sulle salme.