Benessere Coronavirus

Tutto quello che c'è da sapere sul tampone per individuare il Covid-19

I tempi di risposta per capire l'esito del test sono entro le 24 ore

Ormai tutti avete sentito parlare in tv, radio e sul web notizie riguardanti il nuovo tipo di coronavirus, il covid-19 che da Wuhan al resto del mondo è arrivato anche in Italia, l’unico modo per capire se si è contagiati o meno è quello di sottoporsi al tampone, nel caso specifico quello faringeo.

Termometro, tampone faringeo e test per estrarre il materiale genetico del virus: sono queste le tre tappe sulle quali si basa la diagnosi dell'infezione da coronavirus 2019-nCoV.

Facciamo chiarezza:

I sintomi per chi è colpito da coronavirus, più comuni sono i classici da malattie da raffreddamento, e dunque mal di gola, tosse, raffreddore, ma anche problemi alle vie respiratorie inferiori, e dunque bronchi e polmoni.

Ma come funziona il test per individuare il coronavirus?

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1592892665-3-di-raimondo-mercedes.gif

Scopriamo insieme tutto quello che c’è da sapere su come funziona il tampone per il coronavirus.

L'Università degli studi di Padova ha messo a punto un test per rilevare la presenza del virus, che l'Organizzazione mondiale della Sanità ha rinominato Covid-19. La nuova sigla è la sintesi dei termini CO-rona VI-rus e D-isease e 19 è l'anno di identificazione.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1592892665-3-di-raimondo-mercedes.gif

Tra i primi in Europa, il test per l'individuazione del coronavirus è stato messo a punto in tempi record dall'Università di Padova sulla base delle linee guida dell'Oms. Preciso e rapido, fornisce una diagnosi in due ore e mezza

Inizialmente ai sospetti contagiati vengono fatte delle domande per ricostruire una sorta di mappatura della diffusione del virus: contatti con i primi focolai italiani, con persone rientrate dalla Cina o altro possono aiutare a capire come evitare o limitare la diffusione del virus.

Tampone coronavirus

Dopodiché, nel caso occorra, si procede con il test: si utilizza un piccolo bastoncino, che è simile a un cotton fioc, che funge da tampone per prelevare un campione di muco che ricopre la faringe, il canale membranoso che collega la gola all’esofago.

Il tampone faringeo è la seconda tappa nell'eventuale diagnosi del coronavirus e consiste nel prelevare campioni di fluido dalla mucosa della faringe con l'aiuto di un bastoncino alla cui estremità di trova un tampone in cotone. L'obiettivo è verificare se nel muso sono presenti particelle del virus.

Il muco prelevato per mezzo del tampone viene quindi analizzato per estrarre il materiale genetico del coronavirus. Se nessuna traccia del virus viene rilevata il test è negativo, ma va comunque ripetuto. Una sola risposta negativa non è sufficiente.

Precisiamo con il dire che il test non è invasivo e neanche doloroso, e dura pochi secondi, ma soprattutto solo il personale medico sanitario autorizzato lo può fare.

Il tampone viene successivamente mandato ai laboratori di virologia specializzati per questa emergenza. Il costo del tampone del coronavirus e i tempi di risposta Il materiale per il tampone faringeo ha un costo di 1 euro.

Bisogna valutare però che per farlo ci sono i costi per l’utilizzo dei laboratorio per analizzarlo, che non sono quantificabili.

Quali sono i tempi di risposta per capire l’esito dei test?

I tempi di risposta per capire l’esito del test sono entro le 24 ore (ma se il risultato è positivo anche entro poche ore). Ricordiamo anche che il test non è infallibile, anche se affidabile. La percentuale che si verifichi un falso positivo è tra l’1% e il 4% dei casi.

Per fare il tampone sono stati istituiti dei numeri verdi in tutta Italia, e per maggiori informazioni basta consultare il sito del Ministero della Salute o chiamare l’apposito numero di telefono, il 1500.

In caso di sintomatologia vi sono dei percorsi prestabiliti. Proprio riguardo questo fatto, in molti comuni è stata diffusa la notizia di non recarsi in pronto soccorso o all’ospedale nel caso di sospetta infezione, ma anzi di evitare proprio il contatto con gli ospedali dove la diffusione potrebbe essere molto semplice e colpire pazienti con condizioni cliniche già gravi, mettendo a rischio la loro vita.


© Riproduzione riservata