Economia Palermo

Musumeci chiede sanatoria per assegni post datati

Per evitare il disastro finanziario

Palermo - La Regione Siciliana sta provando a convincere il governo nazionale della necessità a varare un sorta di sanatoria per chi ha emesso assegni post-datati, evitando protesti e l'iscrizione nella blacklist che sarebbero l'anticamera del fallimento.

È una emergenza nella emergenza. È stato il presidente Musumeci a sdoganare un fenomeno diffuso seppure ai limiti della legalità. Il presidente ha parlato degli assegni post-datati: è il metodo «normale» con cui le aziende, soprattutto le medio-piccole, acquisiscono le forniture. Si prende la merce e ci si impegna a pagarla una volta materializzato l'incasso delle vendite. «C'è tanta ipocrisia - ha detto Musumeci -, nessuno ha il coraggio di dire come stanno le cose. In Sicilia, forse anche altrove, gran parte delle piccole imprese lavora e acquista la merce con assegni post-datati.