Sanità Ragusa

Coronavirus in ambito psichiatrico. Ecco il decalogo di Franco Iemolo

Parla l'ex direttore della Struttura Complessa di Neurologia dell’Asp di Ragusa

Ragusa - “Il problema dei pazienti psichiatrici e delle disabilità e fragilità in genere ai tempi del coronavirus può fare esplodere il sistema se non si interviene subito e non si trovano soluzioni”. Lo dice Francesco Iemolo, già docente universitario ed associato di ricerca del Cnr di Palermo, ex direttore della Struttura Complessa di Neurologia dell’Asp di Ragusa e attualmente responsabile medico della Comunità Terapeutica Assistita ‘Villa Margherita’ di Comiso.

“Già i nostri pazienti – aggiunge Iemolo - sono visti e vissuti, nelle piccole realtà cittadine, come possibili ‘untori´ e non vorrei che la paura scatenasse la caccia alle streghe o l’impellenza dei ‘manicomi’ giudiziari e non.

Ecco le proposte del professore Francesco Iemolo per affrontare l’emergenza sanitaria da coronavirus in ambito psichiatrico.

“E’ importante richiedere con estrema urgenza – spiega Iemolo - che il personale sanitario, parasanitario, ausiliario ed amministrativo, a qualsiasi livello, sia sottoposto, da parte dei dirigenti sanitari delegati ad un triage anamnestico, con relativa successiva autocertificazione personale e familiare e poi sottoposta a tappeto al tampone; aerazione e sanificazione degli ambienti sanitari, con attenzione soprattutto al funzionamento degli strumenti di climatizzazione; anamnesi e tampone per tutti i pazienti ricoverati in un servizio psichiatrico di diagnosi e cura o Comunità Terapeutica Assistita; incremento immediato dei posti letto per pazienti psichiatrici e creazione immediata di un’unità di Servizio psichiatrico di diagnosi e cura per ogni provincia, specifica per soli contagiati psichiatrici e con 2 letti di terapia intensiva”.

Infine un’esortazione. “Da psichiatra esorto tutti a non enfatizzare la paura e l’odio che conducono all’isolamento e a riconoscerci quali esseri sociali, che esistono in quanto esiste l’altro da noi”, chiosa Iemolo.


© Riproduzione riservata