Economia Moneta

Criptovalute fattore attrattivo per settore turistico di Ragusa e Sicilia

I bitcoin

La caratteristica peculiare delle criptovalute è di non avere confini geografici e di non richiedere quindi il cambio in loco quando si giunge nel Paese straniero. Se aggiungiamo, poi, l’altra caratteristica fondamentale dell’essere monete del tutto digitali, si comprende subito i vantaggi offerti se utilizzati come mezzo di pagamento rispetto ad altre monete. Parte da qui l’interesse dei comparti turistici di varie città del mondo come Brisbane, Praga, Napoli, Londra, Vienna, Barcelona e tante altre nei confronti di un metodo di pagamento che può catturare l’interesse di una nicchia in espansione di nuovi turisti “amanti delle criptovalute”. Nelle città già citate, singoli commercianti o reti di commercianti legati a vario titolo al settore turistico, ma anche progetti comunali, hanno accolto le criptomonete come il bitcoin tra i loro metodi di pagamento. Ragusa, città bizantina e barocca, ma anche l’intera Sicilia, hanno nel turismo uno degli asset strategici della propria economia e possono trovare nei “crypto lover” una nuova nicchia di turisti da legare al territorio.

Criptovalute più popolari di quanto sembra grazie agli scambi online
Le criptovalute appaiono spesso come un “oggetto” di nicchia, come qualcosa di difficile accesso, eppure è più semplice comprare e vendere bitcoin rispetto, ad esempio, al dollaro americano e il motivo è molto semplice. Partiamo proprio dal dollaro, che per essere acquistato richiede un conto bancario specifico in valuta estera e una operazione di cambio dall’euro al dollaro prima di procedere il deposito. L’operazione è dunque poco immediata perché richiede l’intervento di un operatore bancario e oltretutto ci costringe a spendere alcune ore presso la nostra filiale di fiducia. Le criptovalute si acquistano utilizzando app dallo smartphone e si gestiscono attraverso applicazioni chiamate wallet altamente protette grazie all’accesso con l’irriproducibile impronta digitale. L’acquisto, la gestione e l’eventuale successiva vendita è quindi semplice, intuitiva e accessibile a tutti. Le criptovalute, inoltre, sono facilmente cedibili tra le persone perché basta inquadrare con la fotocamera del nostro smartphone il QRcode mostrato dal display di un altro smartphone o di un qualsiasi altro display per effettuare il trasferimento di valuta in poco tempo. Quest’ultimo aspetto, cioè quello della facilità di trasferimento delle valute digitali, ci riporta all’argomento iniziale e cioè al turismo.


Monete facilmente spendibili un vantaggio per operatori turistici
Essendo le criptovalute un metodo di pagamento facilmente spendibile, se il turista esperto di valute digitali trova un ristoratore di Modica, ad esempio, che espone il logo “Bitcoin accepted here” sarà ben felice di pagare con la moneta di internet. Per il ristoratore non si presenterà alcun inconveniente poiché esistono software in commercio che consentono l’emissione dello scontrino con la doppia valuta: euro e bitcoin. Come modello più prossimo troviamo il progetto del Comune di Napoli, il quale ha convinto numerosi commercianti legati al settore turistico ad accettare bitcoin. Ora queste attività usano Napay, una applicazione del tutto simile a quella che gli esercenti del settore ristorazione sono oggi abituati a utilizzare con le icone rappresentative dei vari prodotti venduti nell’attività: la differenza è solo nel metodo di pagamento.

Concludendo
L’amante delle criptovalute può essere visto come un appartenente a una nicchia, ma non così minuscola come potrebbe apparire al nostro immaginario. Inoltre è formata da tantissimi giovani, ovvero da quelli a cui più di tutti piace esplorare e conoscere, in una sola parola viaggiare. Il settore turistico siciliano ora lo sa.