Economia Roma

Premier Conte: 400 miliardi di liquidità alle imprese

Una manovra senza precedenti

  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/06-04-2020/1586198733-premier-conte-400-miliardi-di-liquidita-imprese-1-500.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/06-04-2020/premier-conte-400-miliardi-di-liquidita-imprese-100.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/06-04-2020/1586198733-premier-conte-400-miliardi-di-liquidita-imprese-1-240.jpg

Roma - Alle 20,27, terminato il Consiglio dei Ministri, il Premier Conte è andato in diretta televisiva, parlando alla nazione e annunciando il Decreto Liquidità. Si tratta di una manovra straordinaria di 400 miliardi di euro in favore dei privati, una potenza di fuoco, in termini economici, senza precedenti. 

Il ministro dell'economia Roberto Gualtieri: "200 miliardi per garanzie di prestiti, garantiti dallo Stato, fino al 25% del fatturato delle imprese, o al doppio del costo del personale, attraverso la società Sace. Potenzieremo il fondo di garanzia per le piccole e medie imprese. Altri 200 miliardi di potenziamento dell'export. Mobilitiamo fino a 750 miliardi in totale, con la manovra precedente. Differiremo le scadenze fiscali in ragione del fatturato". 

Interventi importanti sulla normativa fallimentare e sulla Golden Power, ovvero sui settori strategici dell'economia italiana. Il ministro Stefano Patuanelli: "Per imprese con meno di 500 dipendenti, useremo Fondo Centrale di Garanzia, e daremo il 90% della garanzia dello Stato, per prestiti fino a 5 milioni. Fino a 25 mila euro di prestito, nessuna garanzia da parte del piccolo artigiano o imprenditore. Garantirà lo Stato. Fino a prestiti di 800 mila euro lo Stato garantirà al 90%, e fino al 100 grazie ai Confidi. E' l'operazione più ampia d'Europa". 

Il Ministro della Pubblica Istruzione Lucia Azzolina: "La didattica a distanza sarà una chiave di volta. La scuola non può lasciare indietro nessuno. Due possibili opzioni: non ci sarà nessun 6 politico. Gli stuedenti recupereranno a settembre dell'anno scolastico successivo. Chiedo scusa ai precari. Non riusciamo ad aggiornare le graduatorie di istituto. Sono un milione di domande cartacee. Riaggiorneremo l'anno prossimo con una procedura digitalizzata".