Scuola Roma

Scuola, tutti promossi, maturità online. Todos caballeros

Assunti 4.500 prof

Scuola, tutti promossi, maturità online

Roma - Il Consiglio dei ministri ha approvato il dato decreto legge sulla scuola. Due ipotesi per la maturità e altrettante per gli esami di terza terza media, a seconda che si torni in classe il 18 maggio o non si torni fino a settembre. Se si tornerà a scuola entro il 18 maggio, per la maturità ci sarà una prova nazionale di italiano e la seconda prova sarà preparata dalla commissione interna.

Se invece non si tornasse a scuola ci sarà un'unica prova orale anche telematica. Nell'ipotesi in cui non si tornerà in aula entro il 18 maggio niente esame di terza media e solo valutazione dei prof. Infine tutti promossi all'anno successivo.

Todos caballeros 
Tutti ammessi. Tutti ammessi automaticamente all'esame di maturità. A prescindere che le scuole riaprano prima o dopo il 18 maggio: la data spartiacque scelta dal governo per la previsione di due scenari operativi. Sul voto peserà l'esito delle attività della didattica a distanza inaugurata in queste settimane per far fronte immediato all'emergenza da Coronavirus e che per il prossimo anno diventa obbligatoria. È quanto prevede la bozza in entrata del decreto legge sulla scuola approvato dal Consiglio dei ministri. Nel caso l'attività in presenza non riprenda entro il 18 maggio, quindi, gli esami di maturità saranno online, con sola prova orale e commissione interna per valutare. Per la terza media, niente esame ma solo una tesina da valutare insieme ai voti dell'anno scolastico. Per gli altri studenti la promozione con la possibilità di recuperare l'anno prossimo le eventuali insufficienze.

Assunti 4.500 prof 
Via libera alle assunzioni chieste dal Ministero dell'Istruzione per recuperare parte dei posti liberati nell'estate del 2019 da quota 100. Si attua una norma inserita nel decreto scuola approvato in autunno voluta dalla Ministra Lucia Azzolina. Si tratta di 4.500 posti che andranno ad altrettanti insegnanti, vincitori di concorso o presenti nelle Graduatorie ad esaurimento, che non hanno potuto occupare questi posti lo scorso settembre perché non erano stati messi a disposizione.


© Riproduzione riservata