Attualità Gioco online

Padroneggiare il gioco della roulette con la matematica e la fisica

Le basi del gioco online

Il gioco della roulette è uno dei divertimenti più ricercati e ambiti nei vari casinò in giro per il mondo e anche nelle sale da gioco virtuali che ormai popolano l’universo della rete. Quello della roulette è un fascino antico, che trae le proprie origini nella Francia della nobiltà imperiale, quando a corte tutto (o quasi) era consentito e lecito. A distanza di secoli, l’attrattiva della roulette è rimasta intatta. Eppure, esistono tante leggende e racconti intorno a questo antico gioco. Come, ad esempio, tutta la narrazione legata alle diverse possibilità di vincita al tavolo della roulette o anche la narrazione intorno al sapere scientifico come strumento di sicuro successo a questo gioco.

La maggior parte di questi racconti, però, non fa altro che contribuire ad aumentare il mito di questo affascinante passatempo ludico. Eppure, qualcosa corrisponde al vero: sì, si può padroneggiare il gioco della roulette conoscendo alcuni cardini della matematica e della fisica.

La roulette: le basi del gioco

Il funzionamento della roulette è molto semplice. Il tavolo di gioco è composto da una ruota, al cui interno sono presenti 28 slot numeri e colorati, e da un tabellone raffigurante gli stessi numeri e colori. Ai giocatori il compito di piazzare le varie puntate sul tabellone di gioco, sperando che la pallina lanciata all'interno della ruota finisca nello slot corrispondente.

Nei casinò di Las Vegas o di Atlantic City, la ruota della roulette ha 38 numeri (da 1 a 36, lo zero e il doppio zero). Le caselle numerate sono di colore rosso o nero, tranne per lo zero e il doppio zero che sono di colore verde. I numeri sono disposti in modo casuale, ma ad ogni casella di colore rosso succede una di colore nero e così via. Nel vecchio continente, troviamo la stessa tipologia di ruota; tuttavia non è presente su di essa nessuno slot con il numero doppio zero.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1591300806-3-crai.gif

Il tabellone che accoglie le puntate ha 36 numeri disposti su tre colonne nello stesso ordine in cui appaiono sulla ruota (ovvero dodici numeri per colonna). All’esterno delle colonne sono presenti le caselle per scommettere sugli intervalli numerici (da 1 a 18 e da 19 a 38), le caselle per le puntate sui numeri pari e dispari e due diamanti, uno rosso e uno nero, per le puntate semplici sui colori. Nella parte superiore del tabellone di gioco troviamo le colonne dedicate alle caselle per lo zero o per i due numero zero.

Il croupier è chiamato a girare la ruota in una direzione, facendo girare la pallina all’interno della stessa ruota nella direzione opposta. Con il rallentare del girare della ruota, la forza di gravità attirerà la pallina verso il basso dove andrà a fermarsi in una delle caselle numerate e colorate. In genere, la pallina rimbalza da 3 a 5 volte prima di fermarsi in uno degli slot. Come vedremo, anche questo è un dato da tenere bene in considerazione nell’eventualità di prevedere l’estrazione del prossimo numero.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1590742204-3-toys-in.png

Il primo passo: ecco cosa non fare

Conoscendo la fisica e la matematica si può indovinare il prossimo numero sulla ruota

Il principiante al tavolo della roulette sarà sicuramente tentato dallo scommettere sul rosso o sul nero, sui numeri pari o dispari, pensando così di avere almeno il 50% di possibilità di vincita. Sfatiamo subito questo mito perché questo corrisponderebbe a realtà solamente se la ruota avesse tutte caselle equamente divise tra rosse e nere (mentre sappiamo che esistono anche gli zeri). A conti fatti, la matematica ci dice che sono di più le probabilità di non successo (almeno il 53%) rispetto a quelle di effettiva vincita.

Un’altra leggenda metropolitana da non tenere assolutamente in considerazione è quella per cui è possibile predire il prossimo numero sulla roulette tenendo conto gli ultimi numeri estratti (la cosiddetta teoria dei ritardatari). Insomma, non esiste alcuna relazione cosmica tra le caselle estratte in precedenza e quello che accadrà in futuro. Ogni volta che il croupier girerà la ruota, le probabilità di avere un dato numero (o colore) saranno esattamente le stesse del precedente turno di gioco, e così via. Non importa se il rosso è stato estratto già 100 volte di fila: il lancio successivo avrà comunque il 48,6% di possibilità che il rosso venga estratto di nuovo.

Vediamo adesso cosa fare

Per riuscire a padroneggiare il gioco della roulette occorre guardare ben oltre la semplice statistica e oltre il calcolo delle probabilità. La scienza esistente dietro questo gioco è molto semplice: occorre tenere conto di una ruota e di una pallina che girano, della forza di gravità e dei rimbalzi che la stessa sfera compirà all’interno della ruota. Quando si avrà la padronanza di questi elementi appartenenti al mondo della fisica, allora si avrà maggiore percezione scientifica di questo gioco e, dunque, migliori possibilità di successo.

Il concetto della matematica e della fisica legata al gioco della roulette non è nuovo. Nel lontano 1891, Joseph Jagger intuì che una parte delle ruote presenti nelle varie sale da gioco aveva una leggera inclinazione e avrebbe così “colpito” alcuni numeri con una frequenza leggermente maggiore del normale. L’uomo si recò così a Montecarlo, nel più famoso casinò d’Europa, per sperimentare la sua teoria. Il risultato? Jagger riuscì a portarsi a casa l’ammontare odierno di quasi 10 milioni di euro. Di recente, anche un gruppo di turisti provenienti dall’est Europa ha provato ad applicare le teorie di Jagger presso il casinò Ritz di Londra, in Inghilterra, usando però i propri smartphone per predire l’uscita del prossimo numero in base alla velocità di rotazione delle ruote, al rimbalzo della palla, ecc. Insomma, negli anni, sempre più giocatori si sono affidati ai dogmi scientifici per riuscire a sbancare al casinò. Concludendo, il modo migliore per utilizzare le leggi della fisica per vincere alla roulette è sfruttare anche i computer e le intelligenze artificiali quando si è davanti al tavolo verde.

Nella foto di copertina, nella ruota della roulette americana vi è un numero in più che in quella europea.