Benessere Domande frequenti

Come distinguere asma, allergia e Coronavirus

Come distinguere i sintomi

Comi distinguere asma, allergia e Coronvirus

Asma, allergia e Coronvirus. Tre disturbi molto diversi fra di loro, ma che possono creare confusione fra i pazienti. Come distinguere i sintomi? Partiamo dall'allergia. Si riconosce per il prurito nasale e oculare. Da qui gli starnuti. Un paziente allergico può notare anche la lacrimazione: sono sintomi che passano con l'antistaminico. In caso di allergie i sintomi del raffreddore non sono mai accompagnati da febbre, al massimo si presenta una febbricola comunque mai superiore a 37,2. E non c'è tosse: la tosse allergica è rara e comunque è una tosse stizzosa, stimolata soprattutto dal prurito alla gola. 

L'asma. Il paziente asmatico, durante il respiro affannato, ha il cosiddetto "fischietto" dovuto alla restrizione dei bronchi e non si associa alla febbre. Il paziente da Covid-19 non ha il "fischietto" ma ha invece una difficoltà legata al restringimento dei polmoni che non riescono ad espandersi. 

La polmonite. Ci sono nuove ipotesi allo studio del Covid-19: i sintomi forti potrebbero dipendere da micro embolie a livello polmonare, quindi sarebbero legati non tanto alla polmonite quanto ai micro emboli che non permettono gli scambi gassosi. In poche parole: il sangue non arriva ai pomoni. I sintomi che devono mettere in allarme un paziente sul Covid-19 sono l'arrivo della febbre almeno a 37,5 con dolori muscolari. Poi i sintomi tipici dell'influenza come i disturbi gastro intestinali, diarrea e vomito. Non solo: è ormai certo che tra i segnali del nuovo coronavirus c'è anche la mancanza di percepire i sapori o gli odori. 


© Riproduzione riservata