Cronaca Ragusa

34 ragusani in fuga a Marina di Ragusa multati grazie alle targhe

Boom di denunce per il lunedì di Pasquetta quando più persone si sono mosse nonostante i divieti

Ragusa - Il ragusano è un uomo furbo. La sua natura è superiore. Cittadino, metropolitano, borghese. Così venerdì notte decine di ragusani appartenenti alla genia degli "sperti" hanno deciso di trascorrere la Pasqua a mare, in barba alle restrizioni di legge. 

E però, tutte le targhe delle auto parcheggiate nelle strade di Marina di Ragusa sono state annotate dai vigili urbani. Stessa cosa anche per le auto in sosta nelle contrade rurali, come Gatto Corvino e Fontana Nuova. La Polizia locale ha comparato le autocertificazioni in modo da capire se i proprietari di quelle auto hanno raggiunto la frazione marinara e le contrade rurali solo per le festivita pasquali.

La Polizia Municipale di Ragusa nel week end pasquale, da sabato a lunedi, ha multato piu di 30 persone perche erano uscite di casa senza una seria motivazione, nonostante le ordinanze parlassero chiaro, ovvero restare a casa. Sabato sono state controllate 118 persone, 101 autovetture, 20 attivita commerciali e sono state sanzionate 12 persone. Nella giornata di domenica, a Pasqua, sono state controllate 56 autovetture, 18 attivita commerciali e denunciate 18 persone. Boom di denunce per il lunedi di Pasquetta. Sono state infatti 29 le persone controllate, di cui 4 sanzionate, e 24 veicoli controllati.

"Abbiamo svolto un grande lavoro e di questo ringrazio i vigili urbani - spiega l'assessore Ciccio Barone - Purtroppo ci sono le ordinanze restrittive che dobbiamo fare applicare nel bene e nell'interesse di tutta la collettivita. Oltre ai controlli normali sulle autocertificazioni e gli spostamenti in citta, abbiamo preso le targhe delle auto in sosta a Marina di Ragusa e contrade rurali. Se hanno dichiarato che quello e il loro domicilio, lo dovra essere anche per i prossimi giorni. Se vedremo quelle autovetture in citta, allora scatteranno le multe. Non possiamo permettere che ci siano furbetti che violino le norme. E grazie all'aiuto delle telecamere intelligenti avremo modo di fare i dovuti riscontri".


© Riproduzione riservata