Sanità Roma

Si chiama Immuni la App che ci proteggerà dal Coronavirus

Manca poco per l'ufficialità

Roma - Si chiama Immuni ed è la App che il Governo sta varando per il tracciamento del Coronavirus nella popolazione. La scelta è sull'applicazione messa a punto dalla società milanese Bending Spoons in partnership con il Centro Diagnostico Santagostino di Luca Foresti e Jakala. L'app ha partecipato alla selezione del ministero dell'Innovazione e sarebbe la prescelta tra le oltre 300 proposte arrivate.

Si basa sul bluetooth, che garantisce anonimato e niente geolocalizzazione. Oltre ai requisiti di volontarietà e interoperabilità tra Stati, già ribaditi, l'Ue si sofferma in particolare sulla tecnologia giudicata più idonea per le app di tracciamento, cioè il bluetooth che deve «stimare con sufficiente precisione» (circa 1 metro) «la vicinanza» tra le persone per rendere efficace l'avvertimento se si è venuti in contatto con una persona positiva al Covid-19. «I dati sulla posizione dei cittadini non sono necessari né consigliati ai fini del tracciamento del contagio» sottolinea Bruxelles, precisando che l'obiettivo delle app «non è seguire i movimenti delle persone o far rispettare le regole» perché questo «creerebbe rilevanti problemi di sicurezza e privacy».

Per mantenere l'anonimato, è previsto che le app utilizzino un ID (codice d'identificazione utente, ndr) «anonimo e temporaneo che consenta di stabilire un contatto con gli altri utenti nelle vicinanze». In Europa esiste già un progetto che soddisfa questi criteri, su cui stanno convergendo Francia e Germania. Si chiama Pepp-Pt (Pan-European Privacy-Preserving Proximity Tracing) è stato messa in piedi da un gruppo di 130 scienziati e 32 fra aziende e istituti di ricerca di 8 Paesi (tra cui la Fondazione ISI di Torino). Tra i partner del progetto c'è Vodafone e Bending Spoons.


© Riproduzione riservata