Cronaca Modica

Dodici modicani possibili contagiati posti in quarantena

La clamorosa marcia indietro sul cimitero

Modica - "È mio dovere informare la cittadinanza che oggi sono stati messi in quarantena ben 12 concittadini modicani. Tutti sono venuti a contatto con uno dei componenti del gruppo individuato a Ragusa all'interno di uno studio professionale. Oltre ad essere stati messi in quarantena saranno sottoposti domani a tampone per controllare il loro stato di salute".

Ad annunciarlo è il sindaco di Modica, Ignazio Abbate. 
"Alla luce di questa ultima notizia, con grande rammarico, visti i casi potenziali sul territorio modicani, mi vedo costretto a rallentare le operazioni di ritorno alla normalità (a cominciare dal cimitero) fino a quando non avremo notizie certe circa l'esito dei tamponi.
Nel frattempo ricominceremo domani la sanificazione delle strade del perimetro urbano e finiremo quelle agli ingressi e nei viali del cimitero. Purtroppo dobbiamo tenere a freno facili entusiasmi e restare concentrati sull'obiettivo, alla luce di notizie come questa tutto passa in secondo piano".

La scusa è perfetta e consente al sindaco la clamorosa retromarcia circa la decisione, contro legge, di riaprire il cimitero, che ha costretto la Prefettura a disporre nei giorni scorsi la cinturazione del camposanto da parte delle forze dell'ordine al fine di evitare che lo stesso venisse aperto. 


© Riproduzione riservata