Benessere A che ora mangiare

L'orario giusto per colazione pranzo e cena

Gli orari degli spuntini

Negli anni 80' e nei primi anni 90' andava in onda un fortunato programma televisivo condotto da Corrado, l'indimenticato presentatore, che si chiamava Il pranzo è servito. Prendendo spunto dal titolo di questa trasmissione, l'argomento che trattiamo in questo articolo riguarda proprio l'orario in cui è meglio consumare i pasti principali della giornata e quindi colazione pranzo e cena. In sostanza ci chiediamo quali sono gli orari dei pasti più giusti per mangiare.

Dieta: l’importanza degli orari
Una dieta per essere sana e corretta deve tener conto anche degli orari in cui vengono consumati i pasti. Insomma è importante non solo cosa si mangia, ma anche quando si mangia. Questo perché, a seconda dell'orario in cui mangiamo, gli alimenti vengono assimilati in maniera diversa e quindi possono aversi delle conseguenze anche sul peso. Ciò avviene perché abbiamo una sorta di orologio biologico interno che è regolato dall'alternanza di luce e buio (i ritmi circadiani) che influisce anche sull'assorbimento di carboidrati, zuccheri e grassi.
Per dimagrire o comunque in ogni caso per mantenere il peso forma è quindi necessario tenere conto di questi ritmi del nostro organismo e quindi mangiare negli orari in cui il metabolismo risulta più attivo.
Non si può dire che esistono degli orari precisi validi per tutti per mettersi a tavola anche perché ognuno di noi ha un metabolismo e abitudini diverse. Tuttavia gli esperti forniscono alcune indicazioni di base. In questo senso i dietologi sottolineano che il fabbisogno calorico giornaliero va consumato nella prima parte della giornata e quindi generalmente entro le 15. In ogni caso è bene specificare che non si tratta di orari fissi ma flessibili, per cui vanno adattati al proprio stile di vita.

Un esempio di schema potrebbe essere il seguente: colazione tra le 7 e le 9 perché in questa fascia oraria sia il metabolismo che l'insulina, che controlla la glicemia ovvero il livello degli zuccheri nel sangue, sono al massimo, pertanto le calorie vengono bruciate più velocemente. La colazione è molto importante perché fornisce il glucosio al cervello, la benzina senza cui questo organo prezioso non può funzionare. Il pranzo invece andrebbe fatto tra le 12 e le 14 preferendo carboidrati a basso indice glicemico accompagnati da verdure o legumi. Ad esempio pasta o riso o anche pizza con condimenti leggeri. In questo modo possiamo giovarci dell'attività degli ormoni tiroidei e anche del metabolismo che raggiunge il picco della sua attività. Mangiare dopo le 15 potrebbe infatti farci mettere qualche chilo di troppo. Anche la cena non deve essere fatta molto tardi, l'orario migliore è tra le 19 e le 21. Durante questa fascia oraria l'ormone della crescita raggiunge il suo picco massimo. In questo senso è meglio consumare alimenti che contengono proteine, ad esempio carne pesce e legumi piuttosto che carboidrati. Prima di andare a dormire lasciate trascorrere due ore dalla cena, in questo modo date tempo all'organismo per digerire.
Riguardo all'orario giusto degli spuntini, quello mattutino è bene farlo tra le 10 e le 11. Va bene della frutta e dei cereali o anche uno yogurt. Un orario congruo per la merenda invece è tra le 16 e le 17. Si può mangiare della frutta secca, ad esempio le noci.
Pur non esistendo una regola specifica da seguire circa la distanza tra un pasto e l'altro sarebbe meglio non digiunare oltre le 4 ore. Pertanto la regola base è mangiare poco ma spesso, in questo modo arriviamo a tavola sempre un po' sazi e quindi tendiamo a mangiare di meno.


© Riproduzione riservata