Giudiziaria Siracusa

Coronavirus, ai domiciliari Carmelo Terranova accusato di tre omicidi

E' stato trasferito nella sua abitazione di Floridia dopo la decisione del tribunale di sorveglianza di Bari

Siracusa - Stava scontando l'ergastolo, non fosse che il Coronavirus gli ha permesso di tornare a casa. E' stato posto agli arresti domiciliari nella sua abitazione a Floridia, Carmelo Terranova, 72 anni, esponente di spicco della cosca Aparo di Siracusa e condannato a tre ergastoli per omicidio. Il suo legale ha presentato istanza di scarcerazione per motivi di salute al Tribunale di sorveglianza di Bari. Ed il magistrato, accertato lo stato di salute precario del detenuto, già vittima di un infarto, anche per l'emergenza Covid 19, ha disposto la scarcerazione.

Terranova è stato condannato all'ergastolo per gli omicidi di Salvatore Pernagallo di Francofonte avvenuto il 7 aprile 1992, di Salvatore Navarra, ex autista del sindaco di Canicattini, nel 1992 e per la strage di San Marco, del settembre 1992.
Nel 2015 Terranova era stato scarcerato sempre per motivi di salute. Ma dopo qualche tempo secondo le forze dell'ordine il suo appartamento sarebbe diventato il luogo di incontro tra appartenenti alla cosca mafiosa. 


© Riproduzione riservata