Attualità Modica

In spiaggia in ordine alfabetico. Accade a Modica, in Sicilia

La proposta della consigliera Rita Floridia, già assessore di questo sindaco

Modica - No, non è uno scherzo, ma la proposta della consigliera comunale di Modica, e già assessore ai servizi sociali della giunta Abbate Rita Floridia. "Quello che vorrei suggerire - scrive Rita Floridia - è una proposta di regolamentazione per l’ingresso e l’utilizzo delle nostre spiagge libere, per prendere la cosiddetta 'Tintarella' sempre se sarà possibile andare. Questo sia per renderle più sicure ma anche perchè non tutti potranno usufruire dei lidi o stabilimenti balneari, in quanto potranno sicuramente accogliere un numero limitato di persone".

"Sarebbe ipotizzabile - prosegue - andare in spiaggia, pur mantenendo scrupolosamente tutti quegli accorgimenti necessari per legge (vedi il distanziamento sociale che prevede almeno un metro e mezzo di distanza tra due persone), a giorni alterni, seguendo il criterio dell’ordine alfabetico: ad esempio, il Lunedi dalla A alla L, il Martedì dalla M alla Z e a seguire. Ciò consentirebbe un notevole alleggerimento del flusso di persone, il controllo potrebbe essere predisposto tramite la Polizia locale o i Vigili volontari, che a campione effettuerebbero la verifica dei dati anagrafici come da documento d’identità: per i nuclei familiari varrebbe quello da coniugati e per le coppie stabili il cognome dichiarato".

"Inoltre all’ingresso di ogni singola spiaggia si potrebbero posizionare dei dispostivi per la misurazione della temperatura e grazie ad operatori che magari usufruiscono del reddito di cittadinanza che potrebbero essere reclutati per fornire questo servizio alla città, controllare la temperatura a tutti coloro che entrano in spiaggia. Tutto questo potrebbe essere un semplice suggerimento per quest’ estate , per evitare possibilmente il divieto assoluto di poter frequentare le nostre amatissime spiagge”.


© Riproduzione riservata