Benessere Coronavirus

Riciclare un calzino spaiato realizzando una mascherina fai da te

Come ingegnarsi

Riciclare un calzino spaiato realizzando una mascherina fai da te

In tutto il mondo il lockdown causato dall'epidemia di coronavirus si sta allentando ma si raccomanda di indossare una maschera facciale protettiva. Le mascherine, fra tutti, sono oggetti con cui dovremo fare i conti a lungo. Pertanto la domanda di mascherine sta crescendo sempre di più, ma sul mercato non ce ne sono abbastanza. In un numero crescente di città e regioni, questo tipo di protezione viso è diventata obbligatoria nei luoghi pubblici. Tuttavia, c'è un problema: le mascherine antivirus, come la maschera protettiva FFP o la mascherina chirurgica, sono dispositivi medici difficili da reperire sul mercato a causa dell'elevata richiesta - soprattutto per chi ne ha più necessità, cioè il personale medico. Esperti come il virologo tedesco dell'ospedale Charité Christian Drosten raccomandano quindi, per ridurre la possibilità di contagio tra persone spesso asintomatiche, di indossare in pubblico una mascherina riutilizzabile. Ma anche nel caso delle maschere in tessuto spesso i tempi di consegna sono lunghi perché i produttori non riescono a tenere il passo con la produzione.

Cosa c'è di più semplice che fare una maschera protettiva fai da te?
Abbiamo assistito sul web ad una vera e propria evoluzione della mascherina fai date. Dapprima abbiamo visto spopolare sul web il tutorial della mascherina fai da te con la carta da forno di Barbara Paombelli, di cui già Ragusanews vi ha parlato, poi è stata la volta di quella realizzata con il reggiseno e poi a quella in stoffa realizzata in casa, ultimamente diventata anche un accessorio di moda firmato da tanti stilisti. Ma l’idea di riciclare un calzino spaiato per realizzare una mascherina fai da te e anche senza cuciture è apparsa sul nuovo social TiTok, molto noto ai più giovani , dove l’utente di TikTok @safiaaggoune che ha caricato un semplice tutorial per realizzare una mascherina con un calzino. Ovviamente, non si tratta di un dispositivo di protezione personale certificato che annulla i rischi di contagio, ma è un buon metodo per coprire naso e bocca e senza neanche bisogno di cuciture. Quindi ora non disperatevi più per tutti i calzini spaiati che vi ritrovate in casa, sapete che da oggi posso avere una nuova vita. Anche voi potrete realizzare una mascherina fai date con un calzino.

Anche Su Twitter una ragazza ha postato un video con istruzioni semplici per realizzare delle maschere in tessuto lavabili. Le istruzioni sono particolarmente utili per chi non ha una macchina da cucire e poca manualità: "Niente ago e filo." Questa maschera protettiva, come tutte le maschere in tessuto fai da te, è solo una misura supplementare per contenere la diffusione del virus. Non offre a chi lo indossa alcuna protezione contro le infezioni. Il suo scopo è solo quello di evitare che chi lo indossa possa infettare gli altri senza rendersene conto. Inoltre, l'utilizzo di una mascherina riutilizzabile non sostituisce le misure generali per la riduzione del contatto fisico e di igiene personale. Lavate sempre accuratamente le mani e non toccate con le mani il viso. Tutto ciò che vi serve è: 1 calzino grande 1 paio di forbici 2 pezzi di carta da cucina. Buon lavoro.


© Riproduzione riservata