Economia Catania

Caro voli, il Catania-Roma è costato ad Alitalia 3,6 milioni in un mese

Catania - Voli carissimi, poche frequenze, ma almeno si sta comodi. L’altra storia di spreco ai tempi del Covid 19 si chiama "Airbus A330". Un signore dei cieli per intenderci, ideale per il viaggio di lungo raggio. Chi ha viaggiato sulla tratta Catania-Roma e Palermo-Roma ha avuto la bella sorpresa di viaggiare in assoluto comfort per affrontare 55 minuti di volo. Lo spreco? In appena 30 giorni, la tratta Catania-Roma è costata all’azienda 3,6 milioni di euro. Da stime approssimative, il super aereo ha trasportato in 30 giorni circa 18 mila passeggeri producendo ricavi pari a circa 1,8 milioni provenienti dai ticket venduti. Il saldo è una perdita netta di quasi due milioni di euro in appena una sola tratta.
Alitalia è stata l’unica compagnia a riprendere a volare rispettando, dice la Compagnia, la distanza di almeno un metro tra ogni posto occupato rendendo utilizzabile solo tra il 33% e il 50% dei posti.

L’Airbus A330 è davvero un lusso per rotte così brevi. Viene utilizzato per i voli transatlantici, che hanno 256 o 262 posti.
Alitalia dal 2 giugno aumenterà i voli rispetto al minimo toccato in maggio, il 36% in più, farà 30 rotte da 25 aeroporti, dei quali 15 in Italia e dieci all’estero. In aprile, dice la Compagnia, l’attività si era ridotta al 10% rispetto all’aprile 2019, nei primi 15 giorni di maggio era il 12% dell’anno scorso. A buon rendere. 


© Riproduzione riservata