Attualità Siracusa

La Prestigiacomo ha avuto il Covid, ma è negativa al tampone

Sta benissimo

Siracusa - Stefania Prestigiacomo ha avuto il Covid-19. A scoprirlo sono state le Iene che hanno fatto dei test sierologici ai politici per indagare su quanti deputati e senatori asintomatici ci siano in Parlamento. C'è chi non ha voluto sottoporsi all'esame e chi ha accettato, come la deputata di Forza Italia che è risultata positiva per due volte e per questo motivo si è sottoposta al tampone. Fortunatamente ha dato esito negativo.

Prestigiacomo si limita a dire: «È tutto ok, sto bene». L'esito 'dell'indagine', condotta dagli inviati della trasmissione satirica di Mediaset, Stefano Corti e Alessandro Onnis, andrà in onda questa sera su Italia 1. «La scorsa settimana, per due giorni, martedì e mercoledì - anticipa Corti - abbiamo chiesto a vari parlamentari di sottoporsi al test seriologico rapido. A estrarre il sangue dal dito c'era un medico, il direttore del Centro Poliambulatorio di Limbiate, il dottor Stefano Picozzi. C'è chi non ha voluto farlo e chi ha accettato di buon grado, come la deputata di Fi Stefania Prestigiacomo, che è risultata positiva al Covid-19 sia al primo che al secondo esame con pungitura del dito. Lei aveva accettato subito di farsi il test'. Ci ha detto di sentirsi tranquilla, perché aveva già fatto un prelievo venoso in ambulatorio, visto che nei mesi scorsi aveva avuto alcuni sintomi sospetti, e tutto era andato bene con un riscontro negativo dell'esame del sangue. Al test rapido eseguito due volte dal nostro medico, invece, Prestigiacomo è risultata positiva agli anticorpi del Covid».

«Come prevede la procedura in questi casi - spiega Corti - bisogna mettersi in quarantena preventiva, fare un prelievo venoso e poi il tampone. Prestigiacomo ha contattato il suo medico e, su consiglio del nostro dottore, ha deciso di sottoporsi a un nuovo test sierologico, stavolta quantitativo, e al tampone. Stamattina ci siamo sentiti e la parlamentare di Fi mi ha detto che l'esame seriologico quantitativo con il prelievo del sangue ha dato esito positivo, confermando quanto emerso dal doppio 'pungiditò delle 'Ienè, mentre il tampone è risultato negativo. Questo dimostra - sottolinea la Iena - che i test serio rapidi sono degli esami validi, che non danno certo una patente di immunità, ma hanno una loro credibilità».