Lettere in redazione Pozzallo

Come distruggere gli ammortizzatori della macchina tra Ispica e Pozzallo

Riceviamo e pubbloichiamo

Pozzallo - Gentile redazione di Ragusanews, vi scrivo per raccontarvi quello che mi è successo ieri notte tornando da Catania. Lungo il rettilineo che da Ispica porta a Pozzallo ho incontrato un cantiere con dei lavori in corso, credo, per fare una nuova rotatoria. La ditta che sta facendo lo scavo (vi ho mandato la foto) ha fatto anche una bretella di collegamento per bypassare i lavori. Ebbene, tornando da Ispica in direzione Pozzallo, un cratere, un buco enorme ha messo a dura prova la resistenza dell'ammortizzatore e della ruota anteriore destra della mia auto. 

Percorro qualche chilometro ancora (dovevo tornare a Modica) e lungo la circonvallazione di Pozzallo (quella che ha i pali dell'alta tensione piantati in mezzo alla corsia) trovo sul lato sinistro della carreggiata che porta a Marina di Modica un altro cratere che ha fatto sobbalzare l'auto, che per poco non ha sfasciato l'ammortizzatore anteriore sinistro e la gomma. Ora voglio dire, può essere che tornare a casa da Catania, fra Ispica e Pozzallo debba diventare un continuo attentato alle sospensioni delle macchine? Dobbiamo per forza per forza comprare le Jeep? Grazie per l'ospitalità. 


© Riproduzione riservata