Appuntamenti Palermo

Julien Friedler in mostra a Palermo

Al Loggiato San Bartolomeo

Palermo - Nel loggiato di San Bartolomeo, del XVIII secolo, con vista mare, c'è Mapping, la personale dell'artista belga Julien Friedler (Bruxelles, 1950). Tracce, segni, molliche, visioni, orme, graffiti che riescono a condurre per mano dentro un mondo fantastico, un territorio mentale in cui si riconosce soltanto l’artista.

“Mapping” racchiude opere recenti di Friedler, di chiara impostazione espressionistica, catartica, realizzati negli ultimi due anni, e fino a poco prima che il mondo si raggrinzisse in se stesso, per far fronte alla pandemia: la personale dell’artista belga, curata da Gianluca Marziani e Dominique Stella, si è inaugurata ieri nella sede della Fondazione Sant’Elia al Loggiato San Bartolomeo, dove sarà visitabile da domani al 7 luglio.

Ma “Mapping” è anche un ponte ideale, carico di astrazioni e colori, per rimettere in moto il mondo della cultura, a partire dall’arte, collegando i due estremi geografici di un Paese che si sta lentamente risollevando dagli stravolgimenti degli ultimi mesi : raccoglie una sessantina di tele di recente realizzazione, suddivise ed esposte in due tranche, tra il Loggiato di San Bartolomeo, e, dal 25 luglio al 27 settembre, a Palazzo Libera, a Villa Lagarina in provincia di Trento, spazio che collabora con il MART di Rovereto. Il catalogo, che raccoglie l’insieme della produzione “Mapping”, sarà pubblicato da La Route de la Soie Éditions_Paris.

Julien Friedler è una figura singolare nel panorama mondiale dell’arte contemporanea. Il suo passato letterario, la formazione come psicanalista, l’amore per la filosofia e la scrittura di diverse opere erudite; ma anche il suo gusto per i viaggi e l'incontro con realtà diverse e lontane, hanno composto una personalità labirintica che trova nelle arti visive un’emblematica ipotesi realizzativa.


© Riproduzione riservata