Cronaca Lentini

Lentini, anziano uccide la convivente 39enne

Aveva 32 anni

Lentini - Omicidio questa mattina verso le 11 a Lentini. Una donna, Giuseppina Ponte, 39 anni, è stata uccisa con due colpi di pistola mentre si trovava nella sua abitazione, in un edificio di via Sicilia, nel quartiere di Santa Maravecchia, nel centro urbano di Lentini. A sparare Antonino Zocco, un pensionato di 82 anni, con cui conviveva da qualche tempo, non certo per una storia d'amore. Sono stati i vicini di casa a fare scattare l'allarme, dopo avere sentito gli spari, telefonando al 112. I carabinieri arrivati sul posto, hanno trovato il corpo della vittima privo di vita in un lago di sangue. Inutili i tentativi di strapparla alla morte, quando sono arrivati i soccorritori del 118 il cuore di Giuseppina Ponte non batteva più.
Sul posto anche il medico legale, mentre il pensionato viene attualmente interrogato alla stazione dei carabinieri Lentini.
E' in stato di fermo per omicidio. La vittima era originaria di Francofonte: si sarebbe trasferita da poco tempo nell'appartamento del pensionato. Secondo alcune fonti investigative, tra i due ci sarebbe stata una lite sfociata nel sangue e dai primi rilievi dei carabinieri di Siracusa la vittima sarebbe stata centrata al torace da due proiettili. L'inchiesta è condotta dal pm di Siracusa, Marco Dragonetti, titolare del fascicolo di inchiesta. I militari stanno interrogando i vicini di casa nonchè i familiari della donna e dell'anziano. L'appartamento è stato posto sotto sequestro per consentire agli esperti della Scientifica di ricostruire la scena del delitto.

Ci sarebbe stata una lite in quell’abitazione, probabilmente i due avrebbero discusso in modo animato solo che quei toni avrebbero esasperato l’anziano, al punto da fargli prendere la decisione di far tacere per sempre la trentanovenne. Gli inquirenti, però, intendono andare a ritroso nel tempo per comprendere quale fosse il rapporto tra la vittima ed il presunto assassino, da chiarire ad esempio se la donna fosse entrata nella casa in via Sicilia come collaboratrice domestica. I carabinieri di Siracusa hanno posto sotto sequestro l’appartamento per compiere i rilievi e ricostruire i minuti precedenti al delitto ma da una prima ispezione del medico legale sembra che la donna sia stata centrata da due colpi al torace. I proiettili, presumibilmente esplosi da breve distanza, hanno toccato in modo irreversibile gli organi vitali, che non hanno dato scampo alla vittima. La salma è stata sequestrata e nelle prossime ore si terrà l’autopsia prima della restituzione della salma alla famiglia.


© Riproduzione riservata