Attualità Roma

Calcio in lutto, è morto Mario Corso, bandiera dell'Inter

Aveva 78 anni

Roma - Mario Corso, fenomenale mancino della Grande Inter campione euromondiale negli anni Sessanta è morto. Lo apprende l'Ansa in ambienti calcistici. Corso, che avrebbe compiuto 79 anni il prossimo 25 agosto, era ricoverato da giorni in ospedale.

Trequartista, prima che il termine esistesse, Corso fu definito da Gianni Brera con un gioco di parole "il participio passato del verbo correre": non gli serviva sgroppare in fascia (quella dei numeri 11 era per tradizione la sinistra) per fare la differenza in campo. Più che girare per il campo come una trottola, faceva girare il pallone, quasi sempre di sinistro. Specialista nei calci da fermo, perfezionò quel tiro a "foglia morta" che sarebbe divenuto non solo il suo marchio di fabbrica, ma anche una delle armi più temute dagli avversari dell'Inter di Herrera.

Con l'Inter giocò sedici stagioni consecutive, dal 1957 al '73, per poi finire la carriera con la maglia del Genoa. In nerazzurro ha segnato 95 reti in 509 partite, vincendo quattro campionati, due Coppe dei Campioni e due Coppe Intercontinentali. All'Inter è tornato anche come allenatore, per una stagione appena, nel 1985-1986.


© Riproduzione riservata