Attualità Ragusa

A Ragusa ci si potrà sposare senza mascherina

Distribuzione della Comunione possibile senza la mascherina

Ragusa - Non è più necessario usare i guanti per distribuire la Comunione e gli sposi, durante la celebrazione del rito del Matrimonio, possono omettere di indossare la mascherina. Le due misure sono previste in un decreto emesso nella giornata di oggi dal vescovo, monsignor Carmelo Cuttitta. Il provvedimento modifica il decreto dello scorso 13 maggio. Tutte le altre misure di contenimento della diffusione del contagio restano in vigore e, tra queste, il mantenimento della distanza di sicurezza, l’igienizzazione delle mani e il divieto di assembramento. Rinnovato anche l’invito a mantenere quegli atteggiamenti di responsabilità e attenzione sinora sempre mostrati dai celebranti e dai fedeli nel periodo successivo all’isolamento.

Con il decreto di oggi, in particolare, si disciplina in modo diverso la distribuzione della Comunione. Il celebrante o l’eventuale ministro straordinario non indosseranno più i guanti ma cureranno l’igiene delle loro mani e offriranno l’Ostia indossando la mascherina e senza venire a contatto con le mani dei fedeli. Ai fedeli il vescovo chiede invece di mettersi in fila in modo ordinato, rispettando la distanza di un metro e mezzo.
Meno vincoli anche per la celebrazione del Matrimonio. Per tutta la durata della celebrazione, gli sposi potranno infatti evitare di indossare le mascherine. L’officiante, durante il rito, sarà tenuto all’uso della mascherina e al distanziamento fisico di almeno un metro. Resta l’obbligo della mascherina anche per i testimoni e per tutti i partecipanti alla celebrazione.