Attualità Scicli

Silvia e l’ape

Vivere più a sud

Vivere più a sud

Scicli - L’ape è targata Rg, Ragusa. Si dice che il Diavolo si nasconda nei dettagli e forse c’è qualcosa di meraviglioso e diabolico nell’idea di reagire alla crisi post pandemia mettendosi in discussione sino alla scelta di salire su un’Ape Piaggio d’epoca, dipinta come un carretto siciliano.
Lei è Silvia Noè, è bolognese, una laurea in Economia col professor Romano Prodi, già donna di Confindustria in Emilia Romagna, dal 2011 nuova sciclitana. Alberto Sironi, storico regista del Commissario Montalbano, volle omaggiarla offrendole un cameo in una delle ultime puntate girate a Scicli, come segretaria di un notaio con cui il detective si confrontava durante una indagine di polizia.

A Scicli Silvia Noè è diventata anima della via Mormina Penna e di una socialità nuova, trasversale, fatta di attenzione agli ultimi, e di import di emiliano romagnoli che vengono a trovarla e a cui lei propone il territorio come fosse casa sua. Più di cento le persone che ha ospitato in questi anni a Scicli, facendo conoscere la città, le ragioni di una scelta radicale. “Vivere più a sud, per cercare il mio destino”, dice il poeta.
Silvia da cinque anni è anche anima di Scic.li, boutique di abiti prima solo femminili, poi anche per uomo, e ha creato un piccolo brand: nel suo negozio ci sono i sandali Scic.li, le borse, le scarpe che lei commissiona su misura.

Il Covid ha messo a dura prova tutti, e alla crisi la signora Noè ha deciso di reagire con un progetto di mobilità personale e professionale. Ha preso la licenza di venditore ambulante, e fra qualche giorno intraprenderà la propria vendita di abiti Scic.li per le borgate marinare della costa ragusana, spingendosi su, fino a Ragusa Ibla, per proporre i vestiti della sua boutique.
Velocità massima, 40 chilometri orari. Già perché bisogna vivere lentamente per assaporare la vita. Senza condizionamenti sociali, e con la fierezza dell’umiltà, si mette in gioco, e conta anche di divertirsi. E’ Silvia Noè, bellezza.


© Riproduzione riservata