Benessere Detox

La dieta depurante

Una dieta utile dopo le feste, dopo un viaggio o in un periodo stressante

La dieta depurante

La dieta depurante è un regime alimentare che ha come scopo quello di depurare e ripulire l'organismo dalle scorie e dalle tossine. Quindi ci serve un'alimentazione leggera, che ci aiuti a liberare il nostro organismo dalle scorie accumulate, a stare meglio e, perché no, magari a perdere qualche etto di grasso. Depurarsi è essenziale per aiutare l'organismo a liberarsi dalle sostanze nocive accumulate. E ognuno di noi dovrebbe farlo almeno per tre giorni al mese.

Perché abbiamo bisogno di depurarci?
Perché nell'organismo, il sistema sanguigno e linfatico portano il nutrimento alle cellule e ne ricevono in cambio gli scarti metabolici, le ben note tossine. Per mantenere quindi sangue e linfa puliti, il corpo ha bisogno di fegato e reni per espellere le scorie. Ma capita che a volte l'organismo non riesca a smaltire tutte le tossine in eccesso. Inoltre, se l'ambiente in cui vivono le cellule non viene mantenuto pulito, può verificarsi un’intossicazione. Il migliore modo per dare il via a una dieta detox, un regime alimentare che punta a depurare l'organismo da tutte le tossine accumulate (causa cibo spazzatura, farmaci, inquinamento), è il consumo costante di fibre e liquidi (molti liquidi) oltre che l'abbattimento quasi totale del consumo di grassi. Ecco perché è bene seguire questo regime per un periodo non superiore ai tre giorni al mese.

La dieta depurante: cos'è? Questa è una filosofia alimentare tesa a depurare completamente l'organismo dalle tossine accumulate nel tempo, particolarmente utile dopo le feste, dopo un viaggio o in un periodo stressante. Sì perché se vi sentite sempre stanchi, gonfi e anche nervosi, in molti casi, può essere anche colpa del tipo di alimentazione e dello stile di vita stressante. La nostra comune alimentazione è composta prevalentemente da cibi già pronti, dai biscotti ai crackers agli affettati fino alle comode buste... che saltano. Prodotti che spesso contengono molte sostanze che cibo non sono: addensanti, aromi non meglio specificati, conservanti e compagnia bella. Tutte cose che il nostro corpo deve in qualche modo smaltire. Se ci aggiungiamo gli alcolici, abbiamo completato il quadro. Il fegato, i reni e gli altri organi deputati alla disintossicazione sono sottoposti a un superlavoro. Cerchiamo di dare loro sollievo con un'alimentazione più sana, fresca, leggera, genuina. Almeno per qualche giorno al mese, o alla settimana, meglio ancora. Ecco perché nasce la dieta depurante. Fa dimagrire? Anche, come risultato secondario forse, ma l'obiettivo principale è la salute senz'altro. Qual è il momento migliore per una dieta depurativa? Sempre. In qualsiasi momento dell'anno.

Le regole della dieta depurante
Poche ma ferree le regole per seguire la dieta depurante: no al cibo conservato (quello delle scatole, dei sacchetti, delle lattine), no agli alimenti raffinati (quelli troppo bianchi: farina, riso, zucchero, sì alle alternative integrali), no alcolici, no carni rosse, salumi e formaggi stagionati. Via libera a frutta e verdura fresche di stagione, legumi, formaggi freschi magri. Bere molta acqua aiuta il corpo a smaltire le tossine. Si a succhi di frutta fresca, centrifugati di verdura, tisane.

Ecco alcuni alimenti che facilitano la depurazione e che sono vivamente consigliati durante la dieta depurativa: ananas, carciofo, cipolla, cetriolo, cocomero, finocchio, prezzemolo, sedano, cavoli, broccoli, mele, prugne, frutti di bosco, riso integrale, yogurt bianco naturale, olio extravergine d'oliva.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1603719708-3-crai.jpg

Alimenti da eliminare nei giorni di dieta depurativa: sale, cibi affumicati, fritti, dolciumi, caffè, würstel, hamburger, alcolici. Ridurre al minimo indispensabile i farmaci. Evitare quanto più possibile lo stress, imparare tecniche di meditazione: lo stress aumenta i livelli di cortisolo e questo contribuisce a un ulteriore surplus di lavoro per il fegato.

La dieta depurante: esempio
Organizzare una dieta depurante non è difficile, la si può fare per due o tre giorni dopo un periodo di bagordi alimentari, oppure per qualche giorno al mese. No ai supermercati, si ai fruttivendoli, con queste indicazioni di base: Colazione: il 50% di frutta e verdura, il 50% di cereali integrali senza glutine (riso, mais, amaranto, miglio..., soffiati o in fiocchi) e semi oleosi (noci, nocciole, mandorle, semi di zucca o girasole). Te o tisane non zuccherati, bevande vegetali (di soia, mandorle, riso, nocciole o altro).Spuntini: frutta, verdura, semi oleosi. Pasti (pranzo e cena) : 60-80% di verdure, 20-40% tra legumi e cereali senza glutine. Sono ammesse, sporadicamente, piccole porzioni di pesce al vapore. Condimenti consentiti: olio extravergine di oliva, avocado, succo di limone, guacamole, hummus e semi (sesamo, chia, papavero, girasole ecc).

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1603719708-3-crai.jpg

Ecco un giorno-tipo della dieta depurante:
Colazione: Tè verde, 3 gallette di mais, 3 cucchiaini di marmellata di limone o arancia amara
Spuntino: frutti di bosco
Pranzo: insalata belga in padella con olio di oliva extravergine; risotto allo zafferano light: 80 g di riso integrale tostato con 2 cucchiaini di olio di oliva extravergine, cui unire poco alla volta, finito a cottura, del brodo vegetale in cui si è sciolta una bustina di zafferano
Merenda: ananas fresco
Cena: 150 g di legumi, 200 g di finocchi in padella con 2 cucchiaini di olio di oliva extravergine, 3 gallette di riso.

Dieta depurante: piano settimanale. I consigli da seguire durante la dieta depurativa.
Succo di limone di mattina in modo tale da dare il via alla digestione. Mezzo limone va spremuto in una tazza di acqua calda.
Attività fisica: durante la disintossicazione il corpo va allenato per un'ora al giorno. Va bene qualsiasi tipo di esercizio: jogging lungo la spiaggia, camminare in salita, yoga, boxe, ecc. L'esercizio fisico, infatti, aumenta il flusso linfatico e la circolazione per aiutare a espellere le tossine attraverso la sudorazione.
Alimenti crudi: l’obiettivo è eliminare il processo di cottura dei cibi, perché quelli crudi contengono più sostanze nutritive ed enzimi.
Relax mentale: 15 minuti di meditazione al giorno. Se non si sa come si fa, si può provare a respirare con la pancia. Mettere le mani sul basso ventre, inspirare attraverso il naso, contando lentamente fino a 3. Espirare altrettanto lentamente.

Bere: bisogna bere almeno tre litri di liquidi al giorno. Questo contribuirà a disintossicare i reni. Si può scegliere tra acqua di sorgente pura, succo di verdura fresca o tè disintossicante a base di erbe. Consiglio: aggiungere un cucchiaino di erbe ad una tazza di acqua bollente e lasciare in infusione per cinque minuti. Dopodiché filtrare e bere.
Spazzolare il corpo perché aiuta a disintossicare la pelle. Utilizzare una spugna vegetale o una spazzola di fibre naturali. Compiere movimenti circolari, iniziando dai piedi e dalle mani, evitando viso e gola (zone delicate) e punti dolenti (se ci sono). Dopodiché si consiglia una doccia con almeno un minuto di acqua fredda per aiutare la circolazione del sangue nella pelle.
Masticare un boccone di cibo dalle 10 alle 12 volte prima di deglutire. Ciò migliora la digestione e consente di avvertire un senso di pienezza, senza la necessità di mangiare troppo.
In ultimo, una dieta depurativa deve facilitare l'eliminazione delle tossine non solo per via urinaria, ma anche attraverso il sudore. Ecco perché sarebbe utile, almeno una volta alla settimana, fare una sauna.


© Riproduzione riservata