Appuntamenti Ragusa

Ragusa, presentata la Settimana dell’Ambiente

Ricco programma per promuovere la biodiversità e sensibilizzare ai temi della difesa del territorio

Ragusa - Il Libero Consorzio Comunale di Ragusa si scommette sulla sensibilizzazione delle tematiche ambientali e nella valorizzazione delle due riserve (Macchia Foresta del Fiume Irminio e Pineta del Pino d’Aleppo) che gestisce. Sono alcuni dei temi della Settimana dell’Ambiente che si svolgerà dal 25 luglio al 2 agosto 2020 in diverse località e spiagge della provincia di Ragusa. Oggi la ‘Settimana dell’Ambiente’ è stata presentata nella sala convegni del Palazzo della Provincia dal Commissario straordinario del Libero Consorzio Comunale di Ragusa, Salvatore Piazza, insieme ai rappresentanti delle Associazioni ambientaliste che hanno collaborato ed hanno dato la loro disponibilità sul piano organizzativo. In prima battuta Legambiente con i circoli di Ragusa (Il Carrubo) e Scicli (Kiafura), poi Wwf Sicilia Area Mediterranea, Slow food Ragusa, Fare Verde Vittoria, Associazione Grotte Alte di Vittoria, Oipa Ragusa, il Centro Subacqueo Ibleo ‘Blu diving’ e l’Associazione Produttori Olivicoli.
Il programma è abbastanza articolato e prevede visite guidate giornaliere alla Riserva della Macchia Foresta del fiume Irminio, una visita guidata nella Riserva del Pino d’Aleppo per domenica 26 luglio, visite agli ulivi secolari di Chiaramonte Gulfi (26 luglio e 2 agosto) a cura dell’agronomo Antonino Cataudella cui seguirà una degustazione dell’olio extravergine d’oliva e una visita ad un frantoio a cura di Wwf Sicilia Area Mediterranea, accogliendo una proposta di Antonio Costa, e con la collaborazione di Slow food Ragusa e dell’Associazione Produttori Olivicoli.
Il programma prevede poi due momenti di sensibilizzazione ambientale a Scoglitti (25 luglio) e a Sampieri (1 agosto) con pulizia della spiaggia, distribuzione di conetti porta cicche e borracce d’acqua nonché la pulizia dei fondali marini a Punta Secca (26 luglio) e alla foce del fiume Irminio (2 agosto) a cura del Centro Subacqueo Ibleo ‘Blu diving’ nonché la pulizia della stessa spiaggia a cura dei volontari di Legambiente Ragusa e con la partecipazione dell’Associazione ‘Siemu a peri’ di Marina di Ragusa, Pro Loco Mazzarelli e Gruppo d’Acquisto Solidale Mazzarelli. Altro appuntamento significativo è il controllo dei nidi, il monitoraggio e l’attività informativa sulle tartarughe marine a cura del Wwf Sicilia Area Mediterranea sia nella spiaggia di Randello (Ragusa) che nella spiaggia Maganuco di Marina di Modica.
“L’obiettivo della Settimana dell’Ambiente – dice il Commissario Piazza – è quello di mettere al centro della nostra azione amministrativa la tutela del territorio e la valorizzazione della biodiversità cercando di sensibilizzare ai temi della pulizia e del rispetto dell’ambiente. Per l’Ente la tutela dell’ambiente e del territorio è una funzione prevalente ed è per questo che abbiamo promosso questa settimana di iniziative che ha trovato il conforto delle associazioni ambientaliste che si sono spese con encomiabile spirito di servizio”.
Il programma completo della Settimana dell’Ambiente è sul sito istituzionale: www.provincia.ragusa.it