Attualità Ragusa

Ragusa, puliti i fondali marini

Tanti partecipanti

Ragusa - E’ stato un crescendo di iniziative e di appuntamenti la ‘Settimana dell’ambiente’ promossa dal Libero Consorzio Comunale di Ragusa dal 25 luglio al 2 agosto. Nel week end le ultime iniziative che hanno raccolto l’adesione di tanti partecipanti. Sabato la giornata di sensibilizzazione ambientale nella spiaggia di Sampieri a cura di Legambiente-Kiafura ha permesso di pulire l’arenile della spiaggia sciclitana e di procedere alla distribuzione di porta cicche e borracce per bambini, mentre, in mattinata nella spiaggia di Maganuco con la collaborazione di WWF Sicilia Area Mediterranea si era proceduto al controllo dei nidi delle tartarughe marine. La giornata di chiusura è stata concentrata nella Riserva della Macchia Foresta del fiume Irminio. Oltre alla visita guidata nella foce dell’Irminio, si è dato vita alla pulizia dei fondali marini proprio vicino alla foce da parte del Centro Subacqueo Ibleo ‘Blu diving’. Nei fondali sono stati ritrovati una boccia di vetro, frantumi di plastica galleggiante, bombolette spray ed altri rifiuti, mentre, nella spiaggia i volontari della Lega Ambiente del circolo Il carrubo di Ragusa insieme alle associazioni ‘Siemu a peri’ di Marina di Ragusa, Pro Loco Mazzarelli e Gruppo d’Acquisto Solidale di Mazzarelli hanno pulito la spiaggia circostante la foce del fiume Irminio raccogliendo diversi sacchi di spazzatura.

Grande adesione poi per la seconda volta alla visita degli ulivi secolari di Chiaramonte Gulfi con ‘cicerone’ l’agronomo Antonino Cataudella, dipendente dell’Ente, che ha illustrato ai visitatori la storia di queli ulivi soffermandosi sulle qualità organolettiche dell’olio d’oliva. Subito dopo la visita agli ulivi vi è stata la degustazione di oli e la visita al frantoio con la collaborazione del WWF Sicilia Area Mediterranea, dell’Associazione dei Produttori Olivicoli e di Slow Food.
“Gli esiti positivi della ‘Settimana dell’Ambiente’ – dice il Commissario straordinario Salvatore Piazza – ci riempiono di gioia perché c’è stato il riscontro positivo delle associazioni ambientaliste che di fronte alla nostra proposta di proporre eventi e appuntamenti non si sono tirati indietro e si sono spesi sul piano organizzativo insieme ai nostri dipendenti del settore ‘Ambiente’ e agli agenti della Polizia Provinciale. La ‘Settimana dell’Ambiente’ ci ha permesso poi di rilanciare temi significativi come la biodiversità e la tutela del territorio rimarcando il ruolo di un Ente che dell’ambiente fa una delle sue azioni principali dell’attività amministrativa”


© Riproduzione riservata