Cronaca Scicli

Dove è ricoverato l'anziano di Scicli colpito dal Covid?

Il giallo di un ricoverato in Rianimazione in un ospedale senza Rianimazione

Scicli - E’ bastato solo un nuovo caso di un’anziano positivo al Covid-19, ricoverato in gravi condizioni, per aprire una falla nella sanità ragusana.
Per settimane abbiamo ascoltato, letto, azioni di propaganda e proclami come dogmi scolpiti nella roccia per amplificare l’ottimismo sull’organizzazione della sanità iblea nella gestione dell’emergenza. Fino agli ulimi parrocchiani annunci per riferire di un redivivo Ospedale Maria Paternò Arezzo dedicato all’emergenza dei nuovi contagi.
La scomunica, però, arriva quando meno te lo aspetti. Grazie al caso dell’anziano di Scicli, risultato positivo e in gravi condizioni respiratorie, e ricoverato in in terapia intensiva.
In terapia intensiva?
All’Ospedale Maria Paternò Arezzo non ci sono nè la Rianimazione, nè gli anestesisti. Hanno attrezzato l’ospedale Covid solo con i posti letto di malattie infettive, ma senza terapia intensiva. Almeno per il momento. Ma al momento, nostro malgrado, i positivi e gravi ci sono.
E allora, l’anziano di Scicli dov’è ricoverato?
E’ questo l’irriverente e obliquo ritratto della sanità iblea, sempre più adagiata su una ripetitiva propaganda.


© Riproduzione riservata