Benessere

E' vero che le carote fanno abbronzare?

 E' il sogno di molti quello di abbronzarsi rapidamente per ottenere una pelle dal colorito invidiabile. Le carote hanno fama d'essere l'alimento giusto per favorire l'abbronzatura. Inoltre sono note come un alimento prezioso per la vista e la pelle. In particolare questo ortaggio è molto ricco di betacarotene, un carotenoide a cui si deve il suo caratteristico colore arancione.
Il betacarotene viene trasformato in vitamina A nel nostro organismo. Questa vitamina ha delle funzioni molto importanti: favorisce il differenziamento cellulare, aiuta il sistema immunitario a funzionare bene, e ha anche un ruolo nell'embriogenesi e nella crescita.
Ma trova un riscontro oggettivo da un punto di vista scientifico quanto afferma l’opinione comune secondo cui le carote farebbero abbronzare? No, non è vero che le carote favoriscano la tintarella, quantomeno non direttamente. Il betacarotene che si trova, oltre che nelle carote, anche nei pomodori, spinaci, arance, pesche, albicocche, meloni e mandarini, ha un effetto protettivo sull'epidermide perché diminuisce la formazione dei radicali liberi che aumentano con l'esposizione ai raggi solari. Quando ci esponiamo al sole la pelle è sottoposta a un forte stress a causa dei raggi ultravioletti. Il betacarotene quindi non aiuta ad abbronzarci, ma a proteggere la pelle dall'invecchiamento. Pertanto le carote e tutti gli ortaggi simili, ci aiutano a contrastare gli effetti negativi che derivano dall'esposizione della pelle alle radiazioni solari.

Carote: un alimento prezioso per la salute
Le carote ci forniscono 1200 microgrammi di vitamina A ogni 100 grammi di polpa. Il betacarotene fa bene soprattutto alla pelle perché contrasta i processi che ne favoriscono l'invecchiamento. I carotenoidi vengono assimilati meglio mediante cottura, in particolare al vapore o in padella con olio extra vergine di oliva. Per ottenere gli effetti migliori non c'è bisogno di esagerare: ne sono sufficienti 100 grammi al giorno per fare un pieno di vitamine e sali minerali. Non dobbiamo limitarci alle sole carote, ma accompagnarle con altre verdure. Gli esperti consigliano anche i centrifugati da bere alla mattina o da utilizzare tra un pasto e l'altro come spuntini. 

Tuttavia va considerato che il carotene presenta anche delle controindicazioni. Se si mangiano in quantità eccessive gli alimenti che lo contengono, si va incontro alla carotenemia una malattia che conferisce un colore gialliccio alla pelle. Ovviamente conta molto anche una corretta esposizione al sole. In particolare va evitato di esporsi al sole nelle ore centrali della giornata 12-15 ed è bene non utilizzare profumi essenze sulla pelle prima di andare a mare. E' importante anche curare un vestiario adeguato ad esempio cappelli, occhiali e magliette. Ed ovviamente non possono mancare apposite creme solari. Infine per scongiurare il rischio di disidratazione, se si passano molte ore al sole bisogna bere più del solito.


© Riproduzione riservata