Attualità

Sicilia: Savarino,con riforma urbanistica governo territorio

PALERMO, 07 AGO " Sono orgogliosa del lavoro svolto, abbiamo modernizzato la legge fortemente voluta da Piersanti Mattarella, ma che purtroppo pose il primo tassello per la sua condanna a morte. Con questa legge abbiamo onorato la sua memoria, proseguendo il cammino nella direzione che in maniera forte e dirompente ci indicò 42 anni fa, cambiando ora il punto di vista della Regione: non più estranea al contesto, gerarchica e autoritativa, ma vicina agli enti territoriali ed ai cittadini, diventando regista e coordinatrice di un lavoro sinergico e di collaborazione, pur mantenendo un potere sostitutivo a garanzia dei Siciliani contro eventuali Comuni inadempienti". Così il presidente della Commissione Ambiente dell'Ars commenta l'approvazione della legge di riforma urbanistica.
    "Questa legge spiega . pone uno Stop al consumo del suolo, puntando sul recupero dell'abitato e sulla perequazione urbanistica, introduce il "piano del verde" e standard di "qualità urbana, ambientale ed architettonica", semplifica e velocizza fortemente le procedure amministrative, in particolar modo l'approvazione dell'ex piano regolatore (adesso PUG: Piano urbanistico generale comunale), crea una "governance multilivello" che tramite la Conferenza di pianificazione e gli accordi di pianificazione e programma, favorisce la partecipazione di enti e cittadini ai processi decisionali, migliorandone la qualità e riducendo la burocrazia, quindi i tempi".
    "Ringrazio tutti gli ordini professionali, le associazioni, i professionisti, le università che non abbiamo semplicemente ascoltato, ma anche coinvolto nella redazione del testo e che generosamente hanno dato il loro contributo, i colleghi per la costruttiva collaborazione, al netto delle logiche politiche di ruolo, e gli uffici per il prezioso lavoro di supporto giuridico e di coordinamento. Ringrazio il Presidente Musumeci ed il suo Governo per aver posto come loro priorità la tutela dell'ambiente e la semplificazione delle procedure amministrative, anche nel settore edilizio. Da oggi conclude Savarino anche in Sicilia ci sarà "Governo del Territorio": ovvero un nuovo paradigma edilizio per uno sviluppo sostenibile, basato sul recupero del tessuto insediativo esistente e sulla rigenerazione di ambiti urbani degradati, nell'ottica di una politica di qualità del paesaggio e di recupero dei valori storici e culturali delle nostre città". (ANSA).
   


© Riproduzione riservata