Attualità Scicli

Sindaco Giannone: figlio della donna albanese di Scici ha tampone negativo

Smentite notizie false diramate ieri

Scicli - "Ora basta". Cattiverie e invettive, per colpire persone, aziende, professionisti, rappresentanti delle istituzioni. Il sindaco di Scicli Enzo Giannone smentisce categoricamente le notizia, diramata ieri, della positività del figlio della donna albanese di Scicli.

"Lo diceva già diversi anni fa Umberto Eco che i social possono essere i luoghi ideali per i cretini. Aveva perfettamente ragione.
In questi anni non ho mai replicato alle offese ricevute, spesso dai soliti. Ritenendole per quello che valgono: ovvero porcherie di frustrati da web.
Ma c’è un limite a tutto, soprattutto quando di mezzo ci va la mia sfera personale e la salute dei cittadini.
Mi sono speso negli ultimi mesi per tutelare e garantire la sicurezza della comunità di cui sono con orgoglio sindaco. Leggere tra ieri e oggi offese gratuite alla mia persona mi ferisce profondamente e mi indigna, tanto più quando si riferiscono a notizie del tutto false.
Come quella di un nuovo caso di coronavirus a Scicli data nelle ultime ore da un sito web ragusano, ovvero il contagio del figlio della signora albanese già colpita dal virus, addirittura ricoverato in ospedale. Il ragazzo invece è a casa, negativo al tampone e monitorato dal sistema di controlli della polizia municipale.
E dico di più. Anche tutti i tamponi in corso di cui il comando della polizia municipale ha saputo gli esiti, sono negativi. O altrimenti l’Asp avrebbe dato altri dati.
Questo significa che il sistema di controlli attivati e la perimetrazione epidemiologica sta funzionando esattamente come nei mesi scorsi. Siamo fiduciosi e ci impegniamo perché continui così.
E quindi basta. Ora mi sono davvero rotto le scatole di quattro deficienti che non avendo nulla da fare passano il tempo a dedicarsi a masturbazioni intellettuali sui social, offendendo chi come il sottoscritto e altri, operatori di polizia o sanitari o sociali, lavorano con grande impegno e anche stress personale, da mattina a tarda sera, per consentire a tutti di vivere con serenità le loro giornate e le loro vacanze, e permettere agli operatori economici di poter lavorare in sicurezza.
Se poi qualcuno di questi quattro deficienti cerca solo visibilità e pensa di utilizzare questo argomento così serio per fini di bassa strumentalizzazione politica, dico solo che stia sereno: ci vedremo alle prossime elezioni. Io ci sarò. Spero anche loro".
 


© Riproduzione riservata