Attualità

Teatro: applausi per Laura Morante che legge la Yourcenar

SIRACUSA, 09 AGO La certezza di non poter più amare ed essere amata. E' la consapevolezza di Marguerite Yourcenar che nella raccolta di prose "Fuochi" scritta nel 1935, da una "violenta esperienza d'amore", racconta nove storie, nove quadri. Laura Morante sceglie quattro icone Fedra, Antigone, Clitennestra e Lena per dare vita al suo monologo, ieri sera al teatro greco di Siracusa, nel quinto appuntamento di Inda 2020 Per voci sole, il progetto speciale realizzato quest'anno dalla Fondazione Istituto nazionale del dramma antico. Applausi per l'attrice toscana sul palco con Rodrigo D'Erasmo degli Afterhours e Roberto Angelini che hanno arrangiato ed eseguito dal vivo brani di Nick Drake incorniciando il cammino nei sentimenti, nei pensieri e nelle emozioni alle quali ha dato voce Laura Morante: "Che possiate soffrire gli stessi mali che avete inflitto a me contro ogni giustizia". "La menzogna diventa appagamento".
    Sono pezzi di cuore rabbiosi che non possono tacere. Quattro voci della leggenda greca in una narrazione "radicata nel passato ma ambientata nella nostra realtà odierna" scrive Fabrizio Arcuri, che cura la regia.
    Laura Morante legge quattro figure femminili da Fuochi di Marguerite Yourcenar, nella traduzione di Maria Luisa Spaziani, ma anche due brevi estratti, il primo da Antigone di Sofocle nella traduzione di Massimo Cacciari, il secondo da Ippolito di Euripide nella traduzione di Umberto Albini. Lo spettacolo, grazie all'accordo di partenariato digitale siglato dalla Fondazione Inda con TIM, è stato trasmesso gratuitamente in streaming dal sito www.indafondazione.org e resterà disponibile in differita nella prossima settimana.
    (ANSA).
   


© Riproduzione riservata