Record negativi

Sicilia, metà dei tamponi che nel resto d'Italia

L’Isola ha “processato” 6.220, 9 test ogni 100 mila abitanti, preceduta dalla Campania con 6.269,1. Il dato medio nazionale è invece pari a 12.545,8

Sicilia, metà dei tamponi che nel resto d'Italia

Palermo - Sensibile risalita del numero di nuovi positivi in Sicilia, più che in altre regioni, nella scorsa settimana. I dati elaborati dall’ufficio Statistica del Comune di Palermo fotografano un quadro relativo al Coronavirus che suggerisce grande cautela e attenzione. Infatti nella settimana dal lunedì 10 a a domenica 16 agosto, in Sicilia si sono registrati 6,30 nuovi positivi ogni 100 mila abitanti, quarto valore più elevato dopo Liguria (11,33), Veneto (11,29) ed Emilia Romagna (7,05).

Il dato medio nazionale è pari a 5,56 nuovi positivi ogni 100 mila abitanti. I valori più bassi si sono registrati in Val d’Aosta (0,80), Provincia Autonoma. di Trento (1,48) e Basilicata (1,61). Il numero totale dei positivi si sta riallineando ai dati di maggio. Altro dato messo in evidenza dal report è il numero basso di tamponi effettuati nell’Isola. Si legge: la Sicilia è, in rapporto alla popolazione residente, l’ultima regione per il numero di tamponi effettuati: 6.220,9 ogni 100 mila abitanti, preceduta dalla Campania con 6.269,1. Il dato medio nazionale è pari a 12545,8 tamponi ogni 100 mila abitanti. Il maggior numero di tamponi è stato effettuato nelle regioni del nord est e in Val d’Aosta.

Nell’ultima settimana in Sicilia la percentuale di guariti/dimessi sul totale dei positivi è passata dal 79,6% al 73,5%, valore più basso fra tutte le regioni e province autonome. La media nazionale è pari a 90,7 guariti/dimessi per 100 positivi, e il valore più elevato si registra nella Provincia Autonoma di Trento con il 90,7% dei positivi già guariti o dimessi, seguita dall’Umbria con l’89,5%. La Sicilia, infine, secondo il report, è la terza regione con il minor numero di deceduti per 100 mila abitanti: 5,7 (meglio la Calabria e la Basilicata con 5,0).

In questo caso il dato medio nazionale è pari a 58,8 deceduti ogni 100 mila abitanti, e in Lombardia, Valle d’Aosta e Liguria si superano i 100 deceduti ogni 100 mila abitanti: rispettivamente 166,9, 116,5 e 101,6. Il tasso di letalità (deceduti per 100 positivi) della Sicilia è pari a 7,6, valore che pone l’isola dietro al Molise (4,7), all’Umbria (5,2), alla Basilicata (5,8) e alla Calabria (7,2). La media nazionale è pari a 15,8 e i valori più elevati si registrano in Lombardia (17,3), Liguria (15,0), Emilia Romagna (14,6) e Marche (14,0).


© Riproduzione riservata