Attualità Vittoria

Immobile occupato a Vittoria, gli abusivi sono tre

Pronta una ordinanza di sgombero

Vittoria - Nel corso di una riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica tenutasi ieri 24 agosto è stata esaminata, fra l’altro, la situazione relativa all’occupazione abusiva di un immobile in costruzione da tempo abbandonato, ubicato a Vittoria in via Iapichino.

Al riguardo, è emerso che il suddetto immobile, già nel 1998, era stato oggetto di ben due ordinanze del Sindaco pro tempore di Vittoria che intimava alla proprietà la chiusura degli accessi dell’edificio e la predisposizione di una recinzione, ordinanza che, tuttavia, non ha avuto mai compiuta esecuzione e riscontro in ordine alle prescrizioni imposte alla proprietà.

E’ stato, altresì, appurato che nessuna segnalazione è mai giunta alla Forze di Polizia prima del 26 luglio scorso, data in cui è stato effettuato un mirato sopralluogo presso lo stabile, sopralluogo in esito al quale non si è rilevata la presenza massiccia e stabile che, invero, è occasionale e limitata a pochissime unità, non più di tre.

Anche il gruppo del Progetto FAMI Building Together, operante presso la Prefettura nell’ambito delle azioni di prevenzione per il contrasto al caporalato, è stato interessato allo scopo di attuare mirati interventi di informazione nonché ai fini del reinserimento sociale considerato, peraltro, che si tratta di soggetti, noti alla comunità religiosa locale cui gli stessi fanno riferimento. Sulla base di quanto disposto dal Prefetto, il Comune di Vittoria emetterà una nuova ordinanza per intimare alla proprietà dell’edificio l’adozione di tutte le misure necessarie ad assicurare le condizioni di sicurezza dell’immobile stesso e ponga in essere tutte le cautele per prevenire intrusioni di estranei nonché garantire la salvaguardia della pubblica e privata incolumità. In caso di inottemperanza da parte della proprietà, l’amministrazione comunale procederà all’esecuzione in danno di tutti gli interventi volti a garantire la sicurezza del territorio e degli abitanti della zona.


© Riproduzione riservata