Attualità Roma

Ponte sullo Stretto, ci mancava la Ministra con la pista ciclabile

Fantasia al potere

Roma - Fantasia al potere. La ministra Paola De Micheli propone, tra le soluzioni per lo Stretto di Messina, una pista ciclabile. Tutto nasce da tweet della De Micheli: «Abbiamo istituito una Commissione per capire quale è lo strumento migliore per collegare la Sicilia alla Calabria. Per collegarle su ferro, su strada e con una pista ciclabile». L’hashtag #pontesullostretto diventa virale e un utente le scrive: «La pista ciclabile sullo Stretto è un’idea grandiosa. Se poi si potesse percorrere anche con i monopattini e i banchi a rotelle diventeremmo un esempio per tutto il mondo».

Ma anche il ministro del Sud, Giuseppe Provenzano, "pungente" aggiunge: «Non voglio citare il ponte sullo stretto di Messina su cui si esercita la fantasia dei miei colleghi di governo: ora dopo il ponte ci sarà il tunnel, le piste ciclabili, arriverà anche il monopattino, e spero che nessuno proponga la funivia o la catapulta».

L’occasione è ghiotta e non sfugge all’opposizione: Giorgia Meloni critica il Governo e chiede: «Ma la pista sarà omologata anche per i banchi a rotelle?». Mariastella Gelmini, capogruppo di Forza Italia alla Camera, chiede: «il ministro De Micheli deve decidere qual è la soluzione migliore per lo stretto di Messina e parla di un comitato di esperti per capire come collegare la Sicilia e la Calabria su ferro, su strada o con una pista ciclabile. Quest’ultima immaginiamo per i monopattini: ma il teletrasporto no?».

Infine un utente twitter pubblica sotto il post della ministra il filmato di Mosè che divide le acque ipotizzando possa essere una buona soluzione ed un altro scrive: «Mi permetto di suggerire uno strumento ulteriore: il ponte tibetano. È economico, eco-sostenibile, e turisticamente bello da vedere. Mi aspetto il governo al completo all’inaugurazione».


© Riproduzione riservata