Cronaca Ragusa

Fumarole, denunciati 17 imprenditori agricoli

Ad Acate, Scicli, Ragusa, Vittoria

Ragusa - Lotta senza quartiere al fenomeno delle fumarole. Il Nucleo Ambientale della Polizia provinciale da mesi impegnato nei controlli preventivi contro l’incenerimento indiscriminato dei rifiuti agricoli derivanti dalla dismissione degli impianti serricoli della cosiddetta ‘fascia trasformata’ ha denunciato alla Procura della Repubblica di Ragusa per smaltimento non autorizzato di rifiuti speciali 17 titolari di aziende agricole per violazione al Codice Ambientale e per immissione di fumi nocivi in atmosfera.
Le loro aziende insistono nel territorio del comune di Acate nelle contrade Rinelli, case Serra, Mogghi, Scalonazzo e Boscorinelli, di Scicli nelle contrade Balatelle e Playa Grande, di Ragusa in contrada Castellana-Marina di Ragusa, Randello e San Martino e di Vittoria in contrada Berdia, Rinelli e Brancato.
Altri 24 titolari di aziende agricole, operanti soprattutto nel territorio ipparino, ma anche nello sciclitano e nel ragusano, che hanno di recente dismesso gli impianti serricoli ed accatastato i rifiuti nei propri terreni, sono stati formalmente diffidati a non procedere all’abbruciamento dei rifiuti ed a smaltirli tramite ditte autorizzate. La pratica ingiustificata della bruciatura dei residui vegetali e plastici, a causa dell’elevata presenza di aziende agricole presenti lungo l’intera fascia trasformata, è di certo un forte nocumento per l’ambiente e per la salute umana e non può e non deve essere considerata una normale pratica agricola. Appare utile informare i titolari di aziende agricole che, in deroga al divieto generale di abbruciamento, qualora si sospetti che le proprie colture siano interessate dall’emergenza causata da insetti fitofagi potranno effettuare l’abbruciamento dei rifiuti vegetali previa comunicazione al Servizio Fitosanitario Regionale (Sezione di Vittoria) che svolgerà le opportune verifiche, al fine di adottare gli opportuni vincoli sanitari per contrastarne la diffusione.


© Riproduzione riservata