Attualità Ragusa

Mimì Augello ambasciatore della cucina iblea

"Non sono davvero come Mimì, che mette il parmigiano sugli spaghetti con le vongole"

Ragusa - Qual è la parola chiave dell'identità gastronomica siciliana? ''Fresco''. A rispondere è Cesare Bocci, il 'Mimì' sciupafemmine della celebre serie tv Montalbano, in veste di gourmet ed esperto delle eccellenze italiane nel mondo. Gli interlocutori: 150 ospiti scelti che questo fine settimana si sono collegati da 16 diversi fusi orari in un webinar organizzato dall'Accademia italiana della cucina. Tra ricordi e aneddoti, Bocci ha incantato la platea virtuale di esperti svelando i momenti gastronomici del set: "I primi anni delle riprese, a Marina di Ragusa la sera era tutto chiuso, tranne una pescheria con qualche tavolo improvvisato. La signora ai fornelli ignorava sistematicamente le nostre richieste ma il pesce era fresco, appena sbarcato, e lei così creativa, che cenavamo sempre lì".

Nel rispondere alle domande della moderatrice Anna Lanzani, vicedelegata dell'Accademia di Buenos Aires, l'attore ha evidenziato ''la straordinaria evoluzione della cucina siciliana, che oggi è internazionale grazie alle nuove tecniche e presentazioni, oltre che all'uso sapiente della materia prima''. Piatto preferito? ''Tanti. Per esempio, la pasta 'ca muddica' e quella alla Norma, oltre ai ravioli dolci. Sul cibo però non sono davvero come Mimì, che mette il parmigiano sugli spaghetti con le vongole, ma non sono neanche un tradizionalista tout court: apprezzo certe espressioni della cucina creativa, quando son ben pensate''.


© Riproduzione riservata