Benessere Fisico perfetto

La dieta di Roberto Bolle per rimanere in forma

Via libera a yogurt e ricotta, riso integrale e farro

La dieta di Roberto Bolle per rimanere in forma

Roberto Bolle (Casale Monferrato, 1975), ha una forma perfetta grazie alla danza e all'alimentazione lo ha rivelato di recente durante un'intervista prima di apparire in tv in una perfetta forma fisica, scopriamo insieme i segreti della sua dieta per rimanere in forma.

A 44 anni il celebre ballerino, étoile della Scala di Milano, Principal Dancer dell'ABT di Ny, Cavaliere della Repubblica Italiana, Medaglia Unesco per l'alto valore culturale universale della sua opera artistica e ancora molto altro, è molto più di un semplice uomo, di un grandissimo ballerino o di un formidabile atleta e ci tiene alla sua forma fisica. Il corpo per Roberto Bolle è il suo strumento di lavoro e per questo lo tiene sempre in perfetta forma. Si allena per circa 7/8 ore al giorno. Inizia la giornata con stretching ed esercizi di allungamento, poi c'è la lezione, poi le prove. Tutto movimento aerobico, niente pesistica. “Serve una grande disciplina”. Su un ballerino anche due giorni di inattività pesano, ha affermato di recente durante un'intervista, non ci si può fermare mai, ha affermato di recente. Anche in vacanza non rinuncia ad alcuni esercizi e al moto.

Perché Roberto Bolle ha deciso di mettersi a dieta?
Consumava snack davanti al televisore. Fino a 11 anni c'erano i piatti genuini della sua mamma, cucinati con le verdure dell’orto. E tutto era perfetto. Poi ha lasciato la sua casa in Piemonte per entrare nella Scuola di ballo del Teatro alla Scala. E con le superiori sono arrivati i cambiamenti. Il giorno era dedicato allo studio delle varie discipline, dalla danza classica e moderna alla storia della musica. Alle 18.30 iniziavano le lezioni al liceo scientifico serale (per studenti lavoratori), che terminavano alle 22.40. Come non cedere alla tentazione di panini, patatine, snack e merendine varie, che costituivano l'unico intermezzo piacevole tra un’ora di chimica e una di matematica? E si sa che, purtroppo, le cattive abitudini sono difficili da perdere. Così, anche quando ha terminato la scuola e dal collegio e si è trasferito a vivere in appartamento, a fine giornata si tornava molto più semplice scartare merendine e confezioni di schifezze varie sul divano, davanti al televisore, piuttosto che mettersi ai fornelli. E’ arrivato ad un certo punto si sentiva molto affaticato e ha detto basta al junk food, rifugio effimero allo stress e alla fretta quotidiana. Il cibo spazzatura gli si stava ritorcendo contro come un boomerang.

Alla Scala i ballerini non sono seguiti da un nutrizionista, difficile seguire una dieta
Nei teatri italiani fino ad ora non è prevista la consulenza di un nutrizionista per seguire una dieta alimentare equilibrata idonea per le compagnie di balletto. Non è come per i calciatori: tutte le società mettono a loro disposizione cuochi e dietologi per controllare con costanza la dieta alimentare e renderla adatta allo sforzo fisico cui si sottopongono. Con il passare del tempo, un'alimentazione scorretta che seguiva il ballerino rischiava di avere ripercussioni negative non solo sulla muscolatura, che per essere sempre tonica necessita di un adeguato equilibrio di fibre e proteine, ma sulla salute in generale ma non c'era nessuno a farglielo notare, a consigliarlo. La situazione è peggiorata con l'inizio della carriera internazionale. Era sempre in giro, aumentano i successi e gli impegni. E più era sottoposto a un crescendo di stress psicofisico più rinunciava a controllare quello che mangiavo. Quindi ad un certo punto, il celebre Ballerino, ha deciso di seguire una dieta.

Quale dieta segue Roberto Bolle per avere un fisico perfetto?
Che ruolo gioca l'alimentazione per Roberto Bolle? Il ballerino sostiene che una buona alimentazione è fondamentale per avere un fisico sano e performante. L’alimentazione è il carburante del corpo e dei muscoli, e la loro qualità è fondamentale per garantire delle alte prestazioni fisiche. E lui è molto attento a quello che mangia. Non dal punto di vista della quantità ma della qualità sicuramente. Ascoltare il corpo fa parte della vita di un ballerino, sempre. Perché il fisico di chi danza dev’essere potente ma al tempo stesso guizzante ed espressivo, deve volare al suono della musica con movimenti naturali, ma di una naturalezza studiata al dettaglio. Prima iniziare la dieta il ballerino si è dedicato a tre giorni di depurazione a base di frutta, verdura e acqua a volontà. Una dieta detox. Il primo giorno è stato difficile, ha dichiarato l’astinenza da grassi e zuccheri si faceva sentire.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1602519114-3-triumph.gif

Quali sono i cibi che evita nella sua dieta?
Roberto Bolle evita il più possibile la carne e nello specifico quella rossa, prediligendo il pesce, tanta verdura e la frutta e beve moltissima acqua durante l'arco della giornata.

Quali cibi predilige Roberto Bolle nella sua dieta?
Da quando ha deciso di mettersi a dieta, via libera a yogurt e ricotta, riso integrale e farro, carne e pesce, verdure cotte e crude, frutta a volontà, tutto distribuito in maniera equilibrata durante la giornata e condito da tanta, tanta acqua. Ne beve dai quattro ai cinque litri ogni giorno.
Ma anche lui, ogni tanto, si concede qualche strappo alla regola: “Quando ho delle voglie particolari le assecondo: un bel piatto di pasta, il cioccolato, un bicchiere di buon vino”.


© Riproduzione riservata