Attualità Cosenza

Mariachiara, da Ragusa a prima donna comandante carabinieri in Calabria

Lei è il Capitano Mariachiara Soldano

Lei è il Capitano Mariachiara Soldano

Cosenza - Mariachiara Soldano (nativa di Torremaggiore, Foggia) ha 30 anni, la scorsa estate ha lasciato il Comando del Nucleo Operativo Radiomobile di Ragusa per diventare la prima donna a guidare una compagnia dell'Arma in Calabria. 

Il nuovo incarico è a Rende, 35mila abitanti, in provincia di Cosenza. Nel cosentino la procura di Catanzaro guidata da Nicola Gratteri lo scorso giugno ha emesso 21 misure di custodia cautelare colpendo quelli che vengono chiamati i “nuovi boss di Cosenza” e mettendo fine a un traffico di droga ed estorsioni compiuto nei territori che circondano il capoluogo bruzio: Rende e Montalto Uffugo, per citarne alcuni.

E sempre in zona, a Rose, nel febbraio del 2019 fu arrestato Francesco Strangio, pluripregiudicato e membro apicale della cosca di San Luca, latitante dal gennaio 2018 dopo una condanna definitiva a 14 anni per associazione finalizzata al traffico internazionale di stupefacenti. Nella sua vita c'è spazio anche per le ambizioni personali oltre che professionali: al momento non è sposata né ha figli ma sogna un giorno una famiglia convinta che «Anche nelle professioni più delicate e sensibili ci sia lo spazio per costruire e proteggere gli affetti».

Dopo il diploma Mariachiara si è iscritta alla facoltà di Giurisprudenza all'università Cattolica e nel mentre preparava il concorso dell'Arma. Il primo tentativo andò male: "Risultai idonea ma non rientrai in graduatoria eppure non mi sono arresa". 
Il capitano Soldano stata impegnata 4 anni nel ragusano. "Arrivai a Modica da tenente, poi sono stata trasferita a Ragusa con il doppio incarico di dirigere la compagnia e il “Norm”, il Nucleo operativo e radiomobile, e c'è stata anche una piccola parentesi a Vittoria, sempre in provincia di Ragusa, e sempre alla guida della compagnia". Oggi la aspetta un compito che verga le pagine della storia. Prima donna capitano dei carabinieri in Calabria. 


© Riproduzione riservata